COVID-19 sintomi 2 anni dopo l'infezione

COVID-19 sintomi 2 anni dopo l’infezione

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Due anni dopo l’infezione da COVID-19, la metà dei pazienti ricoverati in ospedale presenta ancora sintomi, secondo il più lungo studio di monitoraggio finora condotto, pubblicato l’11 maggio 2 su The Lancet Respiratory Medicine. Lo studio ha seguito 1.192 partecipanti in Cina affetti da SARS-CoV-2 durante la prima fase della pandemia nel 2020.

Sebbene la salute fisica e mentale sia generalmente migliorata nel corso del tempo, l’analisi suggerisce che i pazienti COVID-19 tendono ancora ad avere una salute e una qualità di vita inferiori rispetto alla popolazione generale. Ciò è particolarmente vero per i partecipanti con long COVID, che in genere presentano ancora almeno un sintomo, tra cui affaticamento, mancanza di respiro e difficoltà di sonno, due anni dopo essersi ammalati inizialmente.

Gli impatti a lungo termine della COVID-19 sulla salute sono rimasti in gran parte sconosciuti, dato che gli studi di follow-up più lunghi fino ad oggi hanno avuto una durata di circa un anno. La mancanza di dati di riferimento sullo stato di salute prima della COVID-19 e di confronti con la popolazione generale nella maggior parte degli studi ha reso difficile determinare il grado di guarigione dei pazienti affetti da COVID-19.

COVID-19 sintomi 2 anni dopo l'infezione
COVID-19 sintomi 2 anni dopo l’infezione

COVID-19 sintomi: l’autore principale, il professor Bin Cao, del China-Japan Friendship Hospital, Cina, afferma:

“I nostri risultati indicano che per una certa percentuale di sopravvissuti alla COVID-19 ricoverati in ospedale. – sebbene possano aver eliminato l’infezione iniziale. – sono necessari più di due anni per guarire completamente dalla COVID-19. Un controllo continuo dei sopravvissuti alla COVID-19, in particolare di quelli con sintomi di COVID prolungata, è essenziale per comprendere il decorso più lungo della malattia, così come un’ulteriore esplorazione dei benefici dei programmi di riabilitazione per il recupero. È evidente la necessità di fornire un supporto continuo a una percentuale significativa di persone che hanno avuto la COVID-19 e di capire come i vaccini, i trattamenti emergenti e le varianti influenzino i risultati di salute a lungo termine”.

Gli autori del nuovo studio hanno cercato di analizzare gli esiti sanitari a lungo termine dei sopravvissuti alla COVID-19 ricoverati in ospedale, nonché gli impatti sanitari specifici della long COVID. Hanno valutato la salute di 1.192 partecipanti con COVID-19 acuta trattati presso l’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan, in Cina, tra il 7 gennaio e il 29 maggio 2020, a sei mesi, 12 mesi e due anni.

***

Le valutazioni comprendevano: un test del cammino di sei minuti. Esami di laboratorio e questionari sui sintomi, sulla salute mentale, sulla qualità della vita correlata alla salute; sull’eventuale ritorno al lavoro e sull’uso dell’assistenza sanitaria dopo la dimissione. Gli effetti negativi della long COVID sulla qualità della vita, sulla capacità di esercizio fisico, sulla salute mentale e sul ricorso all’assistenza sanitaria sono stati determinati confrontando i partecipanti con e senza sintomi di long COVID. Gli esiti sulla salute a due anni sono stati determinati utilizzando un gruppo di controllo di persone della popolazione generale, senza storia di infezione da COVID-19, con una corrispondenza di età, sesso e comorbilità.

COVID-19 sintomi

L’età media dei partecipanti alla dimissione era di 57 anni e il 54% (n=641) erano uomini. Sei mesi dopo la malattia iniziale, il 68% (777/1.149) dei partecipanti ha riferito almeno un sintomo long COVID. A due anni dall’infezione, le segnalazioni di sintomi erano scese al 55% (650/1.190). L’affaticamento o la debolezza muscolare sono stati i sintomi segnalati più spesso e sono scesi dal 52% (593/1.151). a sei mesi al 30% (357/1.190) a due anni. Indipendentemente dalla gravità della malattia iniziale, a due anni l’89% (438/494) dei partecipanti era tornato al lavoro originario.

***

Due anni dopo la malattia iniziale, i pazienti con COVID-19 sono generalmente in condizioni di salute peggiori rispetto alla popolazione generale; con il 31% (351/1.127) che riferisce affaticamento o debolezza muscolare e il 31% (354/1.127) che riferisce difficoltà di sonno. La percentuale di partecipanti non COVID-19 che ha riportato questi sintomi è stata rispettivamente del 5% (55/1.127) e del 14% (153/1.127). I pazienti COVID-19 avevano anche una maggiore probabilità di riferire una serie di altri sintomi; tra cui dolori articolari, palpitazioni, vertigini e mal di testa. Nei questionari sulla qualità della vita, i pazienti COVID-19 hanno anche dichiarato più spesso dolore o disagio (23% [254/1.127]); seguiti da ansia o depressione (12% [131/1.127]) rispetto ai partecipanti non COVID-19 (5% [57/1.127] e 5% [61/1.127], rispettivamente).

***

Circa la metà dei partecipanti allo studio (650/1.190) presentava sintomi di long COVID; a due anni e riferiva una qualità di vita inferiore rispetto a quelli senza long COVID. Nei questionari sulla salute mentale, il 35% (228/650) ha riferito dolore o disagio e il 19% (123/650) ansia o depressione. La percentuale di pazienti senza long COVID che ha riportato questi sintomi è stata rispettivamente del 10% (55/540) e del 4% (19/540) a due anni.

I partecipanti alla long COVID hanno inoltre riferito più spesso problemi di mobilità (5% [33/650]); o di livello di attività (4% [24/540]). Questo rispetto a quelli senza lungodegenza (rispettivamente 1% [8/540] e 2% [10/540]).
Le valutazioni della salute mentale dei partecipanti alla long COVID hanno rilevato che il 13% (83/650) mostrava sintomi di ansia; e l’11% (70/649) sintomi di depressione; mentre per i partecipanti alla non long COVID le proporzioni erano rispettivamente del 3% (15/536) e dell’1% (5/540). I partecipanti alla long COVID hanno utilizzato più spesso i servizi sanitari dopo la dimissione; con il 26% (169/648) che ha riferito di aver effettuato una visita ambulatoriale rispetto all’11% (57/538) dei partecipanti alla non long COVID. Il 17% (107/648) di ricoveri ospedalieri tra i partecipanti alla long COVID è stato superiore al 10% (52/538) riportato dai partecipanti senza long COVID.

COVID-19 sintomi 2 anni dopo l'infezione

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24