La carne rossa fa male

Perché la carne rossa fa male? Ecco gli effetti sull’organismo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Perchè la carne rossa è Cancerogena? Lo conferma uno studio: “Il consumo elevato di alimenti ultra-lavorati e, separatamente, il consumo eccessivo di carne rossa, possono essere importanti indicatori di mortalità.”

A riferirlo sono gli esperti della Loma Linda University Health. L’indagine appena pubblicata, si aggiunge al corpus di conoscenze in espansione sugli effetti dei cibi ultra-lavorati e della carne rossa sulla salute umana; ma soprattutto sulla durata della vita.

Rispetto alle ricerche precedenti relative agli effetti sulla salute delle diete a base di alimenti sovraccarichi,. questo studio ha una delle coorti più ampie, con oltre 77.000 individui. Inoltre, ha preso in considerazione un’ampia gamma di diete, comprese le opzioni vegetariane e non vegetariane. Secondo Gary Fraser, MBChB, Ph.D., autore dello studio e professore presso la Loma Linda University School of Medicine e la School of Public Health,. i risultati hanno fornito nuovi spunti di riflessione sugli alimenti ultra-lavorati come denominatore comune di mortalità tra vegetariani e non vegetariani.

“Il nostro studio affronta la questione di cosa può rendere una dieta vegetariana sana o malsana”, afferma Fraser. “Sembra che la proporzione di alimenti ultra-lavorati nella dieta di una persona, sia in realtà più importante per quanto riguarda la mortalità. della proporzione di alimenti di origine animale consumati, con l’eccezione della carne rossa”.

Perché la carne rossa fa venire il cancro?

Fraser afferma che lo studio mette in luce come sia possibile essere un “cattivo vegetariano o un buon non-vegetariano”,. perché isola gli impatti sulla salute degli alimenti trasformati nella dieta – che sia vegetariana o meno. I risultati hanno rivelato che i vegetariani che mangiavano molti alimenti trasformati nella loro dieta, hanno subito un aumento proporzionale della mortalità. simile a quello dei non-vegetariani che mangiavano molti alimenti trasformati nella loro dieta.

Lo studio, “Ultra-processed food intake and animal-based food intake and mortality in the Adventist health study-2″, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, valuta i rischi di mortalità di due fattori dietetici indipendenti l’uno dall’altro: la proporzione della dieta composta da alimenti ultra-lavorati rispetto ad alimenti meno elaborati; esempi di alimenti ultra-lavorati sono le bibite, alcuni prodotti analoghi alla carne e le caramelle,. la percentuale di alimenti di origine animale (carne, uova e latticini) rispetto a quelli di origine vegetale.

***

Sette ricercatori dell’LLU hanno raccolto i dati di uno studio prospettico osservazionale di coorte in Nord America,. reclutato nelle chiese avventiste del settimo giorno e comprendente 77.437 partecipanti di sesso maschile e femminile. I soggetti coinvolti hanno compilato un questionario sulla frequenza alimentare che comprendeva oltre 200 alimenti per descrivere la loro dieta. Hanno inoltre fornito altre informazioni demografiche e sulla salute, tra cui sesso, razza, regione geografica, istruzione, stato civile, tasso di consumo di tabacco e alcol, esercizio fisico, sonno, BMI e condizioni di comorbidità con malattie cardiovascolari o diabete.

Gli scienziati hanno quindi analizzato le informazioni demografiche e sulla salute dei partecipanti insieme ai dati sulla mortalità,. forniti dal National Death Index; per un periodo medio di circa sette anni e mezzo. Successivamente, i responsabili hanno utilizzato un modello statistico che li ha aiutati a considerare ogni variabile indipendentemente dalle altre; e, infine, a produrre un’analisi della mortalità specifica per ogni causa.

Effetti della carne rossa e dei cibi altamente elaborati

Hanno adattato il loro modello statistico per concentrarsi sull’assunzione di alimenti ultra-lavorati, indipendentemente da altri fattori come il consumo di alimenti animali o l’età. In questo modo, Fraser e i coautori hanno scoperto che le persone che assumevano la metà delle loro calorie totali. da alimenti ultra-lavorati affrontavano un aumento del 14% della mortalità rispetto alle persone che ricevevano solo il 12,5% delle calorie totali da alimenti molto elaborati.

Gli autori dello studio riferiscono che alti livelli di consumo di alimenti ultra-lavorati,. sono stati associati alla mortalità legata a condizioni respiratorie, neurologiche e renali; in particolare al morbo di Alzheimer, al morbo di Parkinson. e alla malattia polmonare ostruttiva cronica (anche se limitata a persone che non hanno mai fumato). Tuttavia, un elevato consumo di alimenti super-lavorati non è stato associato alla mortalità per malattie cardiovascolari, cancro o condizioni endocrine.
I risultati non hanno rivelato un’associazione tra mortalità e assunzione di alimenti di origine animale. Tuttavia, una volta suddivisi gli alimenti di origine animale in sottocategorie, i ricercatori hanno riscontrato un aumento statisticamente significativo dell’8% del rischio di mortalità. associato a un consumo moderato (circa 1 etto e mezzo al giorno) di carne rossa rispetto all’assenza della stessa.

In conclusione, perché la carne rossa fa male?

Fraser afferma che l’indagine ha dimostrato come un maggiore consumo di alimenti ultra-lavorati. sia associato a una maggiore mortalità per tutte le cause; anche in una popolazione avventista attenta alla salute e con molti vegetariani. Questi dati sul consumo di alimenti altamente trasformati e sulla mortalità forniscono una “utile conferma di ciò che ci si aspettava”, aggiunge.

Lo studio richiede ulteriori ricerche sugli effetti specifici del consumo di alimenti super-lavorati sulla salute degli esseri umani. Mentre la ricerca continua ad approfondire l’impatto dei cibi elaborati sulla nostra salute, Fraser consiglia di evitarne il consumo esagerato.

“Se siete interessati a vivere più a lungo o al massimo delle vostre potenzialità. fareste bene a evitare una dieta ricca di alimenti estremamente elaborati e a sostituirli con alimenti meno elaborati o non lavorati”. Conclude Fraser. “Allo stesso tempo, evitate di mangiare molta carne rossa. È così semplice”.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24