Dieta ricca di fibre può ridurre il rischio di demenza

Dieta ricca di fibre può ridurre il rischio di demenza

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Una dieta ricca di fibre può ridurre il rischio di demenza

I ricercatori dell’Università di Tsukuba, in Giappone, hanno scoperto che livelli più elevati di fibre alimentari, in particolare di fibre solubili, sono associati a un minor rischio di demenza.

Spesso ci viene detto che dovremmo mangiare più fibre. In effetti, è riconosciuto che è essenziale per la salute dell’apparato digerente e ha anche benefici cardiovascolari, come la riduzione del colesterolo. Ora stanno emergendo prove del fatto che le fibre sono fondamentali anche per la salute del cervello. In un nuovo studio pubblicato di recente sulla rivista Nutritional Neuroscience, alcuni ricercatori giapponesi hanno dimostrato che una dieta ricca di fibre è associata a un minor rischio di sviluppare la demenza.

“La demenza è una malattia devastante che di solito richiede cure a lungo termine”, spiega l’autore principale dello studio, il professor Kazumasa Yamagishi. “Eravamo interessati ad alcune ricerche recenti che suggerivano che le fibre alimentari potessero svolgere un ruolo preventivo. Abbiamo indagato su questo aspetto utilizzando i dati raccolti da migliaia di adulti in Giappone nell’ambito di un ampio studio iniziato negli anni ’80”.

Coloro che assumono una dieta ricca di fibre solubili hanno meno possibilità di sviluppare demenza

I partecipanti hanno completato dei sondaggi che valutavano il loro consumo alimentare tra il 1985 e il 1999. Erano generalmente sani e di età compresa tra i 40 e i 64 anni. Sono stati poi seguiti dal 1999 al 2020, e sono stati registrati i casi di demenza che hanno richiesto assistenza.

Gli scienziati hanno suddiviso i dati, provenienti da un totale di 3739 adulti, in quattro gruppi in base alla quantità di fibre presenti nella loro dieta. Hanno scoperto che i gruppi che mangiavano livelli più elevati di fibre avevano una minore probabilità di sviluppare la demenza.

Il team ha anche esaminato se vi fossero differenze tra i due tipi principali di fibre: quelle solubili e quelle insolubili. Le fibre solubili, presenti in alimenti come l’avena e i legumi, sono importanti per i batteri benefici che vivono nell’intestino e forniscono altri benefici per la salute. Le fibre insolubili, presenti nei cereali integrali, nelle verdure e in alcuni altri alimenti, sono note per essere importanti per la salute dell’intestino. I ricercatori hanno scoperto che il legame tra l’assunzione di fibre e la demenza era più evidente per le fibre solubili.

Il team ha formulato alcune teorie su cosa potrebbe esserci alla base del legame tra fibre alimentari e rischio di demenza

“I meccanismi sono attualmente sconosciuti, ma potrebbero coinvolgere le interazioni che avvengono tra l’intestino e il cervello”, afferma il professor Yamagishi. “Una possibilità è che la fibra solubile regoli la composizione dei batteri intestinali. Questa composizione potrebbe influenzare la neuroinfiammazione, che svolge un ruolo nell’insorgenza della demenza. È anche possibile che la fibra alimentare riduca altri fattori di rischio per la demenza, come il peso corporeo, la pressione sanguigna, i lipidi e i livelli di glucosio. Il lavoro è ancora in fase iniziale ed è importante confermare l’associazione in altre popolazioni”.

Oggi in molti Paesi, come gli Stati Uniti e l’Australia, molte persone consumano meno fibre di quelle raccomandate dai nutrizionisti. Incoraggiando abitudini alimentari sane e ricche di fibre, sarebbe possibile ridurre l’incidenza della demenza.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24