Prugne benefici alle ossa nel consumo quotidiano

Prugne benefici alle ossa nel consumo quotidiano

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il consumo giornaliero di prugne apporta benefici alla salute delle ossa.

La densità minerale ossea (BMD) è nota per diminuire rapidamente dopo la menopausa e le donne oltre i 50 anni hanno maggiori probabilità di subire fratture dell’anca, che comunemente portano all’ospedalizzazione, alla diminuzione della qualità della vita, alla perdita di indipendenza e alla riduzione della durata della vita. Secondo un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Advances in Nutrition, il consumo quotidiano di prugne (prugne secche; Prunus domestica) preserva la BMD all’anca e protegge dall’aumento del rischio di fratture nelle donne in post-menopausa.

Per il 2030 si prevede che la prevalenza dell’osteoporosi tra le donne dai 50 anni in su raggiungerà i 13,6 milioni. Gli effetti di sostanze alternative non farmaceutiche per l’osteoporosi, compresi gli interventi nutrizionali, stanno diventando sempre più popolari. Precedenti studi clinici in donne osteopeniche in post-menopausa hanno mostrato gli effetti promettenti che il consumo quotidiano di prugne può avere sulla prevenzione della perdita ossea.

Prugne benefici alle ossa nel consumo quotidiano

I benefici delle prugne in donne che soffrono di osteoporosi

“È entusiasmante che i dati del nostro grande studio controllato randomizzato in donne in post-menopausa abbiano mostrato che il consumo di 5-6 prugne secche al giorno dimostrino il beneficio di prevenire la perdita ossea all’anca”, ha riferito la professoressa Mary Jane De Souza, ricercatore della Pennsylvania State University. “I nostri dati supportano l’uso delle prugne secche per proteggere l’anca dalla perdita ossea”. “Infatti, questi dati possono essere particolarmente preziosi per le donne in post-menopausa che. non possono assumere una terapia farmacologica per combattere la perdita ossea e hanno bisogno di una strategia alternativa”. Prugne benefici.

Nello studio, la professoressa De Souz e colleghi hanno analizzato i dati di 235 donne in età post menopausa.

I risultati hanno mostrato che le donne che hanno consumato 50 grammi di prugne (5-6 prugne) al giorno per un anno hanno mantenuto la BMD dell’anca; mentre quelle che non hanno mangiato prugne (gruppo di controllo) hanno perso una massa ossea significativa in corrispondenza della zona anatomica in discussione.

Inoltre, il rischio di frattura dell’articolazione è salito nel gruppo di controllo rispetto alle mangiatrici di prugne che erano protette da qualsiasi aumento del rischio di frattura.

“Solo una manciata di prugne può essere facilmente aggiunta allo stile di vita di chiunque”, ha concluso il Dr. Andrea Giancoli, consulente nutrizionale del California Prune Board. “Le prugne si abbinano a così tanti sapori e consistenze e funzionano bene per i piani nutrizionali personalizzati. Mescolatele nelle insalate, nei trail mix, nei frullati, nei piatti salati, e così via. Il sapore naturalmente dolce delle prugne le rende un ingrediente versatile o un comodo spuntino per chiunque”.

Prugne benefici.

Articolo correlato: Avocado malattie cardiovascolari ridotte con il consumo.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24