Edge of Tomorrow – In arrivo il sequel

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

EEdge of Tomorrow 2 sarà una storia molto più piccola e personale, secondo il regista Doug Liman. Il film originale, il thriller d’azione fantascientifico del 2014, vede Emily Blunt e Tom Cruise nei panni di soldati in una guerra contro un’orda di creature aliene mentre rivivono lo stesso giorno più e più volte ogni volta che venivano uccise in combattimento. Secondo quanto riferito, la sceneggiatura di Edge of Tomorrow 2 era pronta da tempo.

Edge of Tomorrow era basato su All You Need Is Kill, una light novel giapponese illustrata di Hiroshi Sakurazaka e Yoshitoshi Abe. Il concetto di base è lo stesso in entrambe le versioni: soldati in armatura da battaglia meccanizzata che rivivono lo stesso giorno di combattimento contro una forza extraterrestre in avanzata.

Il sequel di Edge of Tomorrow

Liman ha rivelato nuovi dettagli su cosa sarebbe Edge of Tomorrow 2. “Ho sempre mostrato interesse all’idea che un sequel fosse più incentrato sui personaggi rispetto al primo film, perché non è così che si fanno normalmente le cose. Questo è stato il mio approccio durante lo sviluppo del sequel e perché Tom Cruise ed Emily Blunt sono attori fenomenali “. È un obiettivo ammirevole, ma comprensibilmente difficile quando si lavora in un genere che prospera grazie allo spettacolo ampolloso. “A volte capisco che il sequel deve avere più potenza di fuoco o più esplosioni. Ma nessun effetto visivo supererà quello che otterrai da una scena fantastica interpretata da Tom Cruise ed Emily Blunt.

Gli elogi ricevuti dalla pellicola per i suoi effetti visivi al momento del rilascio sono stati parecchi, e hanno vinto anche diversi premi. Qualsiasi studio che porta avanti un seguito vorrebbe sicuramente vedere quell’aspetto continuare in una forma ancora più grande. Il che potrebbe essere parte del dilemma che impedisce a Edge of Tomorrow 2 di essere realizzato al momento.

Autore dell'articolo: Elisa Negri