Eleonora Cubeta: la sua morte rimane un giallo, il caso a Quarto Grado

Nell’ultima puntata del noto programma Mediaset Quarto Grado, Alessandra Viero e Gianluigi Nuzzi sono tornati ad occuparsi del caso di Eleonora Cubeta (30 anni al momento della scomparsa). Dopo più di due anni, la sua morte rimane ancora un giallo. Eleonora è morta il 5 Settembre 2015. Il corpo della donna era stato trovato all’interno della sua casa a Contesse (Messina). Eleonora era una ragazza bella, forte e coraggiosa. Amava molto il parapendio e Quarto Grado ha trasmesso alcune immagini di lei che si diverte a scorrazzare per i cieli, in compagnia del suo ex fidanzato.

Eleonora Cubeta: il caso a Quarto Grado, la morte rimane un giallo 

La vita di Eleonora Cubeta è finita il 5 Settembre di due anni fa quando la donna fu trovata morta all’interno della sua abitazione a Messina. Gli ultimi mesi di vita della ragazza erano stati pregni di emozioni altalenanti. Dopo anni di lavoro presso una società di vigilanza, Eleonora aveva trovato un nuovo impiego in un istituto ospitante bambini con problemi psicofisici. Sul piano sentimentale, la 30enne aveva da poco finito una relazione con il suo ragazzo, Fabrizio, con cui conviveva da un paio di anni. Era stata lei stessa a lasciarlo.

Eleonora Cubeta: la felicità prima della fine

Poco prima di morire, Eleonora era felice in quanto le avevano offerto sul lavoro un contratto a tempo indeterminato. Aveva anche chiamato i genitori, per dar loro la bella notizia. Tuttavia, sembrava che anche sul piano sentimentale ci sarebbero stati cambiamenti significativi. Fabrizio sarebbe dovuto passare, per prendere alcune cose personali. A confermarlo è Assunta Orlando, amica della 30enne, la quale ha detto ai microfoni di Quarto Grado: ‘Fabrizio doveva passare a prendere della roba invernale, io ho detto ad Eleonora, scherzando, di buttargliela fuori. Lei mi aveva detto che forse avrebbero parlato e che, probabilmente, sarebbe riuscita a concludere questa storia in maniera pacifica, civile, in modo da mettere le cose in chiaro’.

Eleonora Cubeta: quel pomeriggio fatale

Che cosa accadde quel pomeriggio fatale a casa di Eleonora? Di sicuro, la donna vide Fabrizio. In seguito, intorno alle 19:12, sarebbe stata chiamata dal fratello Gaetano. Con lui, Eleonora avrebbe parlato in maniera calma e serena. Tuttavia, dopo pochi minuti, iniziarono a partire dal telefono di Eleonora, all’indirizzo dell’ex fidanzato, alcuni strani messaggi digitati male, che Quarto Grado ha ricostruito nella maniera seguente: ‘Ho bisogno di te adesso’ (scritto alle 19:16), ‘Non c’era nessun motivo per fare questo, per lasciarmi, tu hai il mio amore per te e non ha senso’ (alle 19:20); ‘Io ho bisogno di te’ (19:21); ‘Provo solo l’ultima volta, rispondimi’ (ultimo messaggio delle 19:24). Nel giro di 10 minuti partirono ben 51 tentativi di chiamata dal telefono di Eleonora, verso quello di Fabrizio. Ma era stata davvero lei a tentare di contattare il suo ex?

Eleonora Cubeta: il triste ritrovamento

Intorno alle 23:30 Gaetano, fratello di Eleonora, entrò in casa di lei. L’uomo era preoccupato, in quanto non riusciva a contattare la sorella. Gaetano ha dichiarato di aver visto il corpo della sorella attaccato con una corda ad un appendiabiti dietro la porta. Eleonora si trovava in uno spazio pari a mezzo metro, con le gambe poggianti a terra. Gaetano tagliò in primis la corda, per poi chiedere aiuto ai vicini, con i quali trasportò il cadavere della sorella in salone. Proprio lì era stata in seguito trovata dai sanitari, che ne confermarono il decesso.

Via