Etichette sui cibi

Etichette sui cibi, gli italiani sono consumatori informati.

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Etichette sui cibi, gli italiani sono consumatori informati. Resi noti i dati della ricerca demoscopica commissionata da Agronetwork

Per l’81% degli italiani la qualità è un elemento di primaria importanza per l’acquisto dei prodotti agroalimentari, così come il il controllo delle etichette sui cibi quindi è importante.

Infatti il 62% è molto attento alle informazioni nutrizionali, mentre pesano meno, nella scelta, marca e prezzo.

E’ quanto emerge dalla ricerca demoscopica che Agronetwork, ha commissionato a Format Research sui sistemi di etichettatura agroalimentari.

Il 63% degli italiani acquisisce dunque i dati nutrizionali attraverso le etichette, mentre il 30,6% si informa tramite i social media e il web.

Tra chi si affida alle etichette, il 34% preferisce il Nutrinform Battery e soltanto il 17% predilige il Nutriscore.

Gli italiani risultano essere inoltre molto attenti alla salute

Dalla ricerca infatti emerge che il 76% ritiene che per stare bene occorra seguire una dieta quanto più varia e completa che includa tutti gli alimenti; mentre il 24% sostiene che un regime alimentare salutare debba eliminare del tutto cibi ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero.

Conclude dunque il segretario generale di Agronetwork Daniele Rossi:

E’ pertanto necessario che il sistema di etichettatura sia chiaro, non fuorviante e tenga conto delle porzioni.

Se l’etichettatura ha la sua importanza, molti italiani non conoscono la differenza tra data di scadenza e il Termine minimo di conservazione (Tmc)

Per la precisione il 63% che contribuisce al 10% dello spreco alimentare in Europa dovuto all’errata interpretazione delle diciture.

Il dato è rilasciato da Too Good To Go, app contro gli sprechi alimentari, che lancia anche in Italia, Etichetta Consapevole; iniziativa di sensibilizzazione per spiegare meglio al consumatore la differenza tra “da consumarsi entro il” e “da consumarsi preferibilmente entro il”.

Nel dettaglio infatti segnala il team di Too Good To Go:

Oggi sono 9 milioni le tonnellate di cibo sprecate ogni anno in Europa, dovute all’errata interpretazione della dicitura; che equivalgono a più di 22 milioni di tonnellate di CO2e immesse nell’atmosfera.

 

 

Articoli simili: Alimentazione estiva a tutta frutta

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.