F1: la FIA spiega perché l'Halo è la soluzione migliore

F1: la FIA spiega perché l’Halo è la soluzione migliore

La FIA ha rilasciato una dichiarazione dettagliata che illustra le procedure dei test dietro l’Halo. Essa spiega anche perché il dispositivo di protezione dell’abitacolo è stato reso obbligatorio in Formula 1 a partire dalla stagione 2018 di F1.

All’inizio di questa settimana è stato confermato che il dispositivo di sicurezza, Halo, sarebbe stato introdotto dalla prossima stagione e ciò ha diviso l’opinione in tutto il circus. La FIA, che si ritiene abbia insistito sull’Halo per il 2018, ha spiegato perché è stata presa la decisione di installare il dispositivo già nella prossima stagione.

La prima riunione su tale dispositivo è stata fatta nel 2016, tuttavia un’altra riunione si è tenuta questa settimana a seguito di alcuni recenti incidenti avvenuti in altre categorie.

F1: cosa afferma la FIA

 

Nella sua dichiarazione, la FIA ha rivelato l’esteso programma, di simulazione e di test effettivo che l’Halo ha subito, anche dopo aver sperimentato alternative tra cui lo Shield e l’Aeroscreen.

Dopo i problemi riscontrati sia con lo Shield che con l’Aeroscreen durante i test nelle sessioni di prove libere di F1, la FIA dice che i test dell’Halo hanno continuato ad andare bene.

«Concentrandosi su tre importanti tipi di rischio importanti, il contatto auto-auto, il contatto tra auto e l’ambiente e gli oggetti esterni, i test hanno rivelato che in caso di incidenti automobilistici l’Halo ha potuto sopportare 15 volte la massa totale della vettura ed è stato in grado di ridurre significativamente il potenziale di ferite», è stato riportato nella dichiarazione.

«Le risposte provenienti da prove in pista estese hanno rivelato che la visibilità era sostanzialmente inalterata e non vi era alcuna ostruzione visiva significativa a causa del pilone centrale. I test in pista hanno anche rivelato che non ci sono problemi riguardanti l’abitacolo e sono stati condotti test di estrazione multipli con l’Halo applicato, con una procedura particolare per garantire l’estrazione sicura».

Di conseguenza, la FIA ritiene che “il sistema Halo rappresenta la soluzione migliore al problema della protezione frontale dell’abitacolo attualmente in esistenza”.

La FIA ha anche confermato che i team, i piloti e l’organo governativo continueranno a sviluppare e perfezionare l’Halo prima della stagione 2018 come uno sforzo congiunto.

Fonte

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. La maggior parte delle conoscenze che ho in ambito tecnologico le ho apprese da autodidatta, riparo Pc e nel tempo libero mi dedico a scrivere articoli su Technoblitz.it di cui sono co-fondatore oltre a scrivere anche su Blastingnews.