F1: Hartley sulla Toro Rosso ad Austin

Brendon Hartley correrà il GP degli Stati Uniti di F1 con la Toro Rosso. La notizia è giunta nel mondo del motorsport e apre degli scenari interessanti per quanto riguarda il mondiale 2018. Il neozelandese guida per la Porsche nel campionato Endurance ed è stato chiamato per sostituire Pierre Gasly, impegnato nell’ultima gara del campionato Super Formula in Giappone. La casa di Faenza si presenterà quindi ad Austin con HartleyKvyat, lasciato a casa negli ultimi due GP per fare posto a Gasly.

I retroscena sul mondiale 2018

Sembra che la Toro Rosso abbia contattato per primo Josef Newgarden, fresco campione Indycar. Lo statunitense ha però un contratto con il team Penske che non gli permette di svincolarsi facilmente. Quindi Helmut Marko è stato costretto a richiamare proprio Hartley. Sembra però che la decisione di chiamare il neozelandese non sia limitata solamente al GP di Austin, ma anche per il resto del campionato e per il mondiale 2018. A farne le spese sarebbe Daniil Kvyat, che quest’anno ha sofferto molto la presenza di Sainz (passato nel frattempo in Renault) nel box.

Chi è Brendon Hartley

Come detto prima, questo ragazzo proveniente dalla Nuova Zelanda ha iniziato la sua carriera nei motori proprio come pilota Red Bull. Poi fu tagliato fuori dal programma giovani della casa austriaca nel 2010 proprio dall’uomo che lo ha richiamato in Toro Rosso, cioè Marko.

Attualmente corre nel campionato WEC come pilota ufficiale Porsche e condivide la vettura #2 con Timo Bernhard e Earl Bamber, con cui ha vinto il mondiale nel 2015 e la 24 ore di Le Mans in questa stagione.

Fonte