Fase 2, Galli avverte: "Attenzione, altrimenti sarà un disastro"

Fase 2, Galli avverte: “Attenzione, altrimenti sarà un disastro”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Massimo Galli ricopre il ruolo si primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano. Il luminare, parlando della Fase 2, ha avvertito: “L’emergenza non è affatto finita, si sta cominciando a vedere la luce perché ci sono stati i provvedimenti di distanziamento sociale”. Il virologo ha aggiunto che se verranno ignorate le precauzioni opportune, ciò significherà guai seri. Una riapertura totale a partire da domani per Galli sarebbe pericoloso. Lo status quo non permette ancora un ritorno alla normalità.

Fase 2, Massimo Galli: “Dobbiamo essere responsabili”

Intervistato al Sky TG24, il virologo Massimo Galli ha dichiarato: “I nuovi casi sono persone o che si sono infettate in casa, da altre che sono state chiuse con loro con l’infezione, o persone che avevano l’infezione ancora prima dei decreti di chiusura.” Per Galli il problema sussiste e non possiamo permetterci di sottovalutare il pericolo.

L’infettivologo ha ribadito il bisogno di imparare a convivere con questa nuova realtà, aggiungendo: “Dobbiamo riuscire a convivere con questa realtà, altrimenti rimaniamo bloccati in una situazione economicamente disastrosa in cui non si riesce a far ripartire nulla.” Nel caso in cui si sottovaluterà il problema i cotnagi aumenteranno e bisognerà ripartire da zero. “Sarebbe un disastro” ha detto Galli.

Più di 4 milioni di persone torneranno al lavoro

Da domani 4 maggio inizierà ufficialmente la Fase 2. Si stima che 4 milioni e mezzo di persone torneranno al lavoro. Inizieranno gli spostamento. Giuseppe Conte ha sottolineato come in questo frangente, un costante monitoraggio della situazione pandemica da qui ai prossimi giorni sarà fondamentale per fare il punto della situazione. Infatti, con la ripresa delle attività aumenterà anche il rischio di contagio.

Fonte: FanPage.it

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24