Fioramonti invoca più attenzione per la scuola

Fioramonti invoca più attenzione per la scuola

Condividi su:

 

ROMA – Fioramonti invoca più attenzione per la scuola. Mentre prosegue il dibattito sulla ripresa delle lezioni in presenza con il ritorno degli studenti in classe, l’ex ministro dell’istruzione, in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, è tornato a parlare dell’istituzione scolastica citando una riflessione del comico Crozza:

“Bellissimo monologo di Maurizio Crozza sul perché la scuola è sempre l’ultima tra le priorità. Spendiamo dieci volte di più per gli F35 che per far ripartire l’istruzione. Riapre tutto: dalle sale scommesse alle palestre, ma non la più importante istituzione formativa del Paese”.

Fioramonti invoca più attenzione per la scuola

Ma l’ex esponente del Movimento 5 Stelle, sempre su Facebook, ha voluto fare anche una riflessione sull’economia:

“In un paper appena uscito su Nature si ricorda come lo sviluppo basato sulla crescita della produzione e dei consumi è fondamentalmente incompatibile con i limiti planetari e con la giustizia sociale, generando così una crisi sistemica. È ora di costruire un’economia per stare bene”.

E non è tutto. Tornando infatti all’argomento trattato all’inizio di questo articolo, c’è da dire che nei giorni scorsi Fioramonti è stato anche ospite di “Effetto Notte“, su Radio 24, per parlare di scuola. Queste le sue parole:

“Abbiamo davanti sfide enormi. Dallo svolgimento dell’esame di maturità al rientro a settembre, passando per il tema fondamentale dei finanziamenti a questo settore e del precariato che purtroppo lo affligge da molti anni. E’ importante dare risposte rapide e soluzioni efficaci alla comunità scolastica e al Paese intero. Nell’ottica di una ripartenza che rimetta al centro l’istruzione, pilastro della nostra società”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24