genoma modificato per prevenire le malattie cardiache

Genoma modificato per prevenire le malattie cardiache

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il nuovo studio effettuato sulle scimmie potrebbe rappresentare un passo importante per la cura di alcune importanti patologie: è stato sperimentato un genoma modificato per prevenire le malattie cardiache.

Genoma modificato per prevenire le malattie cardiache: lo studio

Secondo quanto emerso dal nuovo esperimento, una singola iniezione di genoma modificato potrebbe un giorno eliminare il rischio di malattie cardiache. I medici della società di biotecnologica Verve Therapeutics hanno iniettato a 13 scimmie un siero. Questa iniezione ha bloccato due particolari geni nei loro fegati responsabili della produzione di grassi colesterolo e trigliceridi. Ciò è quanto riportato sul New York Times. Se lo stesso potesse essere realizzato nell’uomo, gli scienziati credono che per molte persone malattie cardiache e infarti fatali potrebbero diventare reliquie del passato.

“Questa potrebbe essere la cura per le malattie cardiache“, ha dichiarato al NYT il Dr. Michael Davidson. Il direttore della Lipid Clinic presso la Pritzker School of Medicine dell’Università di Chicago, che non ha contribuito alla ricerca. L’idea sarebbe quella di iniettare il siero ai giovani al fine di “modificarli geneticamente”. Così facendo potrebbero vivere senza malattie cardiache. Sfortunatamente per le generazioni più anziane, gli attacchi di cuore e altre condizioni possono essere il risultato di decenni di colesterolo alto che otturano le vene. Il siero ha alterato il DNA di ogni cellula nei fegati delle 13 scimmie.

Tuttavia la ricerca non è ancora stata sottoposta a revisione paritaria o pubblicata. Lo studio è stato presentato sabato all’incontro annuale dell’International Society for Stem Cell Research. In particolare, disattiva due geni. Si tratta del PCSK9, che regola il colesterolo LDL – che è il tipo cattivo – e ANGPTL3, che regola i trigliceridi, un tipo di grasso che può essere immagazzinato nel sangue. Ci vorranno anni prima che il team possa ripetere l’esperimento sull’uomo, perché devono osservare le scimmie per eventuali effetti collaterali dovuti all’alterazione genica e vedere se l’effetto è permanente o no. “Speriamo che sia completo, ma dobbiamo confermarlo con studi clinici”, ha detto Davidson al NYT .

Fonte foto: pixabay

Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,