Gesù e la canzone di Natale 2018

Gesù e la canzone di Natale 2018

intopic.it feedelissimo.com  
 

Fa scalpore Gesù e la canzone di Natale 2018;  volevano cambiarne il testo, ma una bambina di 10 anni si ribella e non ci sta.

Gesù è nel cuore di molti bambini e per questa piccolina di quinta elementare non era giusto togliere la parola dal testo originale.

Le maestre, per una forma di rispetto verso i bambini di religione diversa, optano per una variazione. Ma la bambina se ne accorge e raccoglie delle firme per ripristinare il suo Natale. La lega nord fa un elogio alla piccola.

Gesù e la canzone di Natale 2018, a Campagna Lupia il testo della canzone non si tocca

Accade a Campagna Lupia, nella Riviera del Brenta (Veneto). Durante le prove della recita di Natale, una bambina della scuola elementare si rende conto che qualcosa non va.

Nel corso dell’interpretazione della canzone <<Buon Natale in allegria>> la ragazzina capisce che la parola “Gesù” è sostituita con “Natale”.

Infatti, il testo originale della canzone, recita così:

“Tanta gioia, tanta pace scenda dentro i vostri cuor. Su, brindiamo, festeggiamo questo è il giorno di Gesù”.

La modifica (che durante le prove salta subito all’occhio di questa bambina molto attenta) è Natale al posto di Gesù.

Una volta a casa, racconta ai genitori quanto accaduto. Gli stessi si recano dalle maestre a chiedere spiegazioni.

Le insegnanti, chiariscono che la variazione è un gesto di rispetto per non offendere la sensibilità dei bambini di diverse religioni.

Ma l’eliminazione della tradizione religiosa non è piaciuta alla bambina che si organizza raccogliendo tra i compagni (anche stranieri) una piccola petizione.

Dopo aver raccolto le firme necessarie, si rivolge con una letterina alla dirigente scolastica.

In sintesi chiederà alla stessa di lasciare il testo della canzone per Natale, come da origine. Spiegando che lei e i suoi compagni di classe, non volevano che la parola Gesù fosse cambiata.

La preside, data la richiesta, ha accontentato i suoi studenti, sollecitando le maestre al ripristino del testo originale.

Il gesto della bambina Veneta nei confronti della tradizione

Il gesto compiuto da questa bambina di soli 10 anni, ribellatasi alle decisioni delle maestre, ha suscitato stima da parte del mondo politico. Gesù e la canzone di Natale 2018 restano invariati.

Ma la notizia, diffusasi tramite i genitori della stessa, arriva al consigliere regionale leghista Alberto Semenzano.

Ovviamente è cosa risaputa che nel Veneto il centro destra e Lega, hanno trionfato. Quindi non c’è da stupirsi se lo stesso Semenzano, così come gli alleati di partito hanno elogiato la ragazzina.

A seguito dei complimenti del consigliere, arrivano quelli dell’assessore Regionale Elena Donazzan che applaude la bambina sostenendo come la “purezza vinca sul delirio ideologico”.

Il vicesegretario federale della Lega (e camera dei deputati), Lorenzo Fontana parla di un gesto di difesa verso la tradizione.

Ma da Twitter, arriva il commento del Vicepremier Matteo Salvini che, nel definire inqualificabile il gesto delle maestre, invita a pensare come la parola “Gesù” possa offendere qualcuno. “Bambina Eccezionale” avrebbe concluso.

Il testo alla fine, già dalla decisione della dirigente scolastica, sarebbe stato reintegrato, costringendo le maestre a fare dietro front.

Leggi le nostre notizie

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Stefania Di Francescantonio

Stefania Di Francescantonio