GP Abu Dhabi: Verstappen vince, Leclerc secondo e scavalca Perez in classifica

GP Abu Dhabi: Verstappen vince, Leclerc secondo e scavalca Perez in classifica

 

Il GP di Abu Dhabi, ultimo appuntamento del mondiale 2022 di Formula 1, ha visto Max Verstappen su Red Bull vincere la gara. Sul podio ritorna Charles Leclerc che è arrivato in volata insieme a Perez per giocarsi la seconda posizione in classifica piloti. L’ha spuntata Leclerc con il secondo posto, mentre Perez si deve accontentare del gradino più basso del podio. Al quarto posto, invece, l’altra Ferrari, quella di Carlos Sainz. Ritiro per Lewis Hamilton a tre giri dalla fine. Ferrari conferma il secondo posto anche nel campionato costruttori con la speranza per l’anno prossimo di avere uno slancio in più per competere al vertice più frequentemente.

Ultima gara straordinaria di Sebastian Vettel che chiude la sua carriera a 35 anni. Conquista il decimo posto a causa di un errore di strategia dopo che nelle prime fasi della gara lottava nelle posizioni immediatamente al di sotto di quelle dei tre top team.

GP Abu Dhabi: la sintesi della gara

La partenza è stata frenetica, almeno alle spalle delle Red Bull che sono scattate pulite e hanno mantenuto agevolmente la prima e la seconda posizione. Dietro di loro, Leclerc è rimasto terzo mentre Hamilton ha recuperato qualche posizione inizialmente al quarto posto dietro Sainz. Quest’ultimo ha cercato di risuperare Hamilton alla fine del lungo rettilineo, ma è subito scattata un’indagine per aver costretto Hamilton ad uscire di pista. Nessuna penalità è stata assegnata mentre Hamilton ha recuperato il suo 4° posto tagliando la curva. Ad Hamilton è stato però chiesto di lasciar passare Sainz due giri dopo, cosa che ha fatto immediatamente nonostante fosse ormai quasi due secondi davanti allo spagnolo.

Ciò ha lasciato Sainz al 5 ° posto, seguito da Norris che ha superato Russell all’inizio. Ocon è seguito all’ottavo posto, poi Vettel, Alonso, Tsunoda e Stroll. La migliore partenza è stata realizzata da Alex Albon, che ha guadagnato 4 posizioni dal 19° al 15° posto. Al sesto giro Hamilton ha sorpassato ancora una volta Sainz, facendolo cadere proprio sulla traiettoria di Russell mentre la Mercedes stava iniziando a mostrare ciò che Sainz si aspettava già sabato; miglior passo gara per la Mercedes. Tuttavia, due giri dopo, Sainz è tornato al 4 ° posto seguito da Hamilton incapace di seguire Sainz e superato da Russell un giro dopo. Hamilton si è lamentato della perdita di potenza ma non ha avuto una spiegazione.

Nel frattempo Ocon ha mantenuto l’ottavo posto mentre Vettel e Alonso dietro hanno continuato a rimanere entro il secondo di distacco per usare il DRS. Ocon è stato infine il primo a rientrare ai box al 15° giro, seguito da Tsunoda, Schumacher e Gasly. Allo stesso tempo, Alonso si è lamentato di essere bloccato, dicendo “siamo così lenti”. Il giro successivo Perez, Russell e Norris si sono fermati ai box per passare alle gomme dure. Perez è tornato in pista al 6 ° posto e ha superato Vettel sul rettilineo, solo per superare la curva 6, essere nuovamente sorpassato da Vettel alla curva 8 e perdere un altro giro dietro l’Aston Martin prima di riprendere il 4° posto.

Il pit stop di Russell nel frattempo non è stato dei migliori e per di più avrebbe ricevuto una penalità di 5 secondi per un unsafe release. Al 20° giro Verstappen rientrava è entrato ai box mentre era al comando della corsa, portando Leclerc in testa. Insieme a Vettel, il pilota della Ferrari è stato l’unico in quel momento a correre ancora con le sue gomme medie Pirelli dall’inizio, superando la durata del primo stint prevista da Pirelli per due soste. Leclerc si è fermato ai box al giro successivo e Vettel lo ha fatto altri 5 giri dopo dopo aver riferito “È peggio. Veniamo mangiati da tutti“.

Il giro 28 segna la fine dello stint di Alonso all’Alpine, che ha ritirato la vettura per un altro problema tecnico. Davanti i distacchi sono rimasti sorprendentemente ridotti. Mentre Verstappen era in vantaggio praticamente di 2,5 secondi su Perez, Leclerc si è lentamente avvicinato a Perez, scendendo a 1,5 secondi al 33° giro. Sainz era a 5 secondi mentre segnalava difficoltà con le gomme. Russel ha seguito la seconda Ferrari di 2,8 secondi con altri 2,5 dietro al suo compagno di squadra Lewis Hamilton, che sembrava aver ritrovato un po’ di ritmo dopo il sorprendente calo delle prestazioni intorno al sesto giro.

Al 34° giro Perez si è fermato ai box per montare un nuovo treno di gomme dure, rientrando in pista a 10 secondi da Hamilton. Allo stesso tempo, a Verstappen è stato chiesto di “migliorare la gestione delle gomme” con il team chiaramente preoccupato per la durata delle stesse. Quando Sainz e Russell si sono fermati ai box contemporaneamente al 40° giro, Hamilton era tornato sotto Russell, risalendo fino al terzo posto a causa di quelle soste mentre Perez era dietro alla Mercedes a 3 secondi. Russell è passato alle medie mentre Sainz ha montato nuove dure.

A 7 giri dalla fine è diventata una battaglia su chi potesse far durare di più le proprie gomme. Verstappen non aveva davvero molto di cui preoccuparsi con 7 secondi ancora in tasca su Leclerc, ma quest’ultimo aveva Perez che lo inseguiva con gomme più nuove di 12 giri nella loro battaglia per il secondo posto in campionato. Il divario tra loro era di 6 secondi a 7 giri dalla fine. Hamilton nel frattempo aveva gomme dure simili, mentre Sainz era indietro di 5 secondi con gomme più nuove a 20 giri, una situazione che Hamilton non amava particolarmente dopo aver chiesto ripetutamente di fermarsi una seconda volta.

A tre giri dalla fine la Mercedes si è arresa dopo aver mostrato un’incredibile affidabilità per tutta la stagione. Un problema idraulico ha costretto Hamilton a rientrare lentamente in pitlane. Con la vittoria sigillata, la battaglia per il secondo infuriava quando il divario tra Leclerc e Perez è finito per essere di 1,85 secondi al traguardo del penultimo giro. Alla curva 6 era sceso a 1.7 ma le posizioni non sono cambiate, con grande gioia di Ferrari e Leclerc perché questo ha significato mantenere il secondo posto in campionato per Charles.

L’ordine di arrivo

Il GP Abu Dhabi si conclude quindi come segue:

Pos  Nº   Pilota  Auto/ Motore   Giri  Tempo   Ritardo  
1 Max Verstappen Red Bull 58 1:27’45.914
2 16  Charles Leclerc Ferrari 58 1:27’54.685 8.771
3 11  Sergio Pérez Red Bull 58 1:27’56.007 10.093
4 55  Carlos Sainz Jr. Ferrari 58 1:28’10.806 24.892
5 63  George Russell Mercedes 58 1:28’21.802 35.888
6 Lando Norris McLaren/Mercedes 58 1:28’42.148 56.234
7 31  Esteban Ocon Alpine/Renault 58 1:28’43.154 57.240
8 18  Lance Stroll Aston Martin/Mercedes 58 1:29’02.845 1’16.931
9 Daniel Ricciardo McLaren/Mercedes 58 1:29’09.182 1’23.268
10 Sebastian Vettel Aston Martin/Mercedes 58 1:29’09.812 1’23.898
11 22  Yuki Tsunoda AlphaTauri/Red Bull 58 1:29’15.285 1’29.371
12 24  Zhou Guanyu Alfa Romeo/Ferrari 57 1 lap
13 23  Alexander Albon Williams/Mercedes 57 1 lap
14 10  Pierre Gasly AlphaTauri/Red Bull 57 1 lap
15 77  Valtteri Bottas Alfa Romeo/Ferrari 57 1 lap
16 47  Mick Schumacher Haas/Ferrari 57 1 lap
17 20  Kevin Magnussen Haas/Ferrari 57 1 lap
18 44  Lewis Hamilton Mercedes 55 Problema idraulico
19 Nicholas Latifi Williams/Mercedes 55 3 laps
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com