Il destino di Mick Schumacher

Il destino di Mick Schumacher, le ipotesi

intopic.it feedelissimo.com  
 

Il destino di Mick Schumacher sembra già scritto, ossia un futuro passaggio in Formula Uno, magari per ripercorrere le orme del papà Schumacher. Il ragazzo comunque sta già facendo parlare di sé, in maniera molto positiva in F2. Infatti, Mick proprio lo scorso 4 agosto ha ottenuto la sua prima vittoria in Formula 2 al volante del team Prema. Schumacher junior è molto legato al padre, nonostante l’incidente sulle nevi di Meribel nel 2013. Stando al Corriere della Sera infatti, il giovane ragazzo racconta tutte le esperienze al sette volte campione del mondo. La speranza infatti è che nonostante le sue condizioni di salute, il tedesco possa comunque sentirlo. Forse è ancora presto per dire quale sarà il futuro del piccolo campione, certo è che il ragazzo ha tutto il tempo per poter ripercorrere le orme del padre.

Il destino di Mick Schumacher, le dichiarazioni

Il destino di Mick Schumacher potrebbe essere quello della F1, ma non c’è fretta di bruciare le tappe. Un suo approdo in Formula Uno metterebbe in risalto un talento che piano piano sta dimostrando di avere in F2. Come riportato dal sito Eurosport.com proprio il giovane pilota si è espresso al riguardo: “Soltanto il tempo potrà dire se arriverò in F1 l’anno prossimo, tra due anni oppure tre. La cosa certa, è che farò del mio meglio per imparare e migliorare il più possibile e per farmi trovare pronto per la mia prossima sfida, in qualsiasi squadra sia”.

Ricordiamo inoltre, che Mick Schumacher è entrato nella Ferrari Academy lo scorso gennaio e questo potrebbe consentirgli di avere un sedile in Alfa Romeo. Qui, al momento Giovinazzi sembra non convincere del tutto. Non resta quindi che attendere lo scorrere del tempo, per scoprire quale sarà il destino del figlio di Schumacher, che al momento sta facendo emozionare in F2.

 

 

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu

Avatar