Il legno sintetico di laboratorio presto usato nella produzione di oggetti

Il legno sintetico di laboratorio presto usato nella produzione di oggetti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Ashley Beckwith, autrice principale dello studio, ha affermato che nutre speranza nel fatto che il legno coltivato in laboratorio possa un giorno integrare i metodi forestali tradizionali. Il suo team coltiva il legno utilizzando un gel stampato in 3D per modellare le cellule vegetali nella forma desiderata.

La tecnologia potrebbe essere utilizzata per creare parti in legno o assi. Essi potrebbero poi essere utilizzati per costruire un mobile. Parlando al programma Naga Munchetty della BBC 5 Live, la signora Beckwith ha affermato che il mondo sta affrontando una “domanda sempre crescente di prodotti vegetali. Ciò riguarda il cibo, materiali per infrastrutture, beni di consumo e persino colture necessarie per i combustibili bioenergetici. Noi stiamo lavorando con un’area limitata di terreno coltivabile“.

Ha aggiunto: “Dedichiamo molte risorse alla coltivazione di piante intere, quando tutto ciò che usiamo è in realtà una porzione molto piccola di essa. Quindi in qualche modo dovevamo trovare un modo più strategico per riprodurre materiali che non dipendono così tanto dalla terra“.

Usare il legno sintetico: com’è stato ricavato in laboratorio

La signora Beckwith, del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Cambridge, negli Stati Uniti, ha detto che il team ha iniziato coltivando piccole strutture utilizzando una pianta di zinnia. Essa è un membro della famiglia delle margherite. L’hanno utilizzata come specie modello per “dimostrare cosa fosse possibile“.

Sperano in definitiva di aumentare le dimensioni delle strutture prodotte. Ma far crescere legno delle dimensioni di un tavolino da caffè, ha spiegato, sarebbe un “processo lento, che necessita di mesi. Ovviamente è molto più veloce di un albero che potrebbe impiegare 20 anni per crescere”.

La sig.ra Beckwith ha aggiunto: “Non so se coltiverei un tavolo completamente assemblato, perché non è un ottimo uso dello spazio, c’è molto volume vuoto lì, ma ha il potenziale per essere fatto“. Ha spiegato le differenze tra il legno degli alberi e il legno coltivato in laboratorio. A riguardo, ha spiegato: “In questo momento le differenze tra questi tipi di strutture e una struttura in legno tradizionale è che il legno è altamente ordinato. Hai le venature nel legno e vanno in un direzione specifica perché sono vasi progettati per facilitare il flusso del liquido su un albero. Ma nella nostra situazione non abbiamo questo allineamento al momento, quindi è più come un pannello truciolare o un composito in cui non c’è direzionalità alla struttura“.

Nonostante la ricerca sia nelle fasi iniziali, la candidata al dottorato del MIT ha affermato di sperare di poter vedere progressi reali entro 10 anni. “È una grande visione e le persone hanno davvero preso il concetto“, ha detto. “È un problema di cui molti di noi sono consapevoli e vogliono essere parte della risoluzione, quindi spero che generiamo un po’ più di interesse e coinvolgiamo più persone affinché questo accada davvero“.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com