La batteria nucleare o betavoltaica

La batteria nucleare o betavoltaica, una grande ed ecologica invenzione

 

Recentemente si è diffusa in rete la notizia che una start-up ha messo a punto un prototipo di batteria nucleare per evitare l’inquinamento e trovare una fonte di energia quasi illimitata. Queste Batterie “nucleari”, sono dette anche batterie betavoltaiche  poiché l’energia con cui sono ricaricate è tratta direttamente da un tipo di decadimento radioattivo chiamato in gergo tecnico decadimento beta.

L’invenzione della batteria nucleare o betavoltaica

Per ragioni di sicurezza questa tipologia di batterie attualmente sono impiegate esclusivamente nel settore militare e aereospaziale, ma  una recente innovazione fatta dalla start-up californiana NBD potrebbe rendere le batterie nucleari o betavoltaiche adatte al consumo di massa. L’invenzione parte dall’utilizzo di materiali di scarto delle centrali nucleari.

Il funzionamento delle batterie nucleari

Queste particolari batterie sfruttano un isotopo radioattivo, il carbonio-14, materiale di scarto delle centrali nucleari. Questo materiale si forma nelle barre di grafite utilizzate per controllare le reazioni nucleari all’interno delle centrale nucleari. Tramite vari processi il carbonio-14 viene riciclato sotto forma di diamanti sintetici e radioattivi che vengono incapsulati in batterie. L’energia emessa da questi diamanti è utilizzata per produrre poi energia elettrica.

Data la pericolosità degli isotopi radioattivi, il nucleo di diamanti sintetici viene  “avvolto” in molteplici strati dello stesso materiale del nucleo. I diamanti sintetici  che fungono da involucro però sono creati dal carbonio stabile il Carbonio-12, quindi non radioattivo. Queste batterie sono completamente innocue ed emettono una quantità di radiazioni irrisoria. Questa tecnologia è chiamata NDB, nome anche dell’azienda, acronimo di Nano Diamond Battery, letteralmente Batterie di Nano Diamanti. Ecco spiegata la struttura di una batteria nucleare.

I pregi di una batteria nucleare

Una batteria nucleare, secondo gli studi effettuati dagli scienziati  è  durevole nel tempo e può essere attiva anche per 27000 anni.

Questa scoperta non solo evita un utilizzo massiccio dei carburanti fossili, ma permette il riutilizzo del Carbonio-14 rifiuto di scarto delle centrali nucleari andando a ridurre l’impatto ambientale. Infatti le varie scorie radioattive potrebbero essere riciclate e messe in sicurezza per produrre energia elettrica quasi infinita e libera, evitando anche l’inquinamento e lo smaltimento illegale da parte delle varie mafie dei rifiuti radioattivi ed evitare anche il sotterramento di essi, come nell’ormai straziata terra dei fuochi.

La start-up californiana prevede l’arrivo sul mercato di batterie betavoltaiche nei prossimi 2-5 anni. Del resto tutti ci aspettiamo l’ascesa di questo progetto quello della batteria nucleare è un progetto molto ambizioso, seppur ancora acerbo.

 

Fonte immagine: DDay 

Ti potrebbe interessare leggere questo nostro articolo:

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24