Il valore sociale dei consumi

Il valore sociale dei consumi, il Rapporto Censis-Confimprese

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il valore sociale dei consumi, presentato il Rapporto Censis-Confimprese. L’ipotesi di un nuovo lockdown durante le feste di Natale metterebbe a dura prova gli italiani

Si chiama Il valore sociale dei consumi il rapporto stilato dal Censis con Confimprese nel quale si evidenzia che:

La metà degli italiani è disposta ad accettare i rigori della seconda ondata dell’epidemia solo perché è convinta che a breve arriverà una cura risolutiva o il vaccino.

Lo dicono soprattutto i residenti del Sud (il 55,2% rispetto alla media nazionale del 49,7%) e gli anziani (il 53,5%).

L’asticella dunque è fissata a Natale: ecco esplicitato l’orizzonte massimo di tenuta psicologica degli italiani all’indomani delle nuove restrizioni.

L’ultimo Dpcm infatti è un parziale lockdown che ha colpito lo sport e il mondo della ristorazione ma c’è il rischio che, sotto le festività natalizie, si torni alla chiusura totale.

Un’ipotesi quest’ultima che può danneggiare anche l’equilibrio psicologico delle famiglie

Per il 57,1% degli italiani infatti il benessere soggettivo dipende molto dalla libertà di acquistare i beni e i servizi che si desiderano; per il 79,4% gli acquisti riflettono anche la propria identità e i propri valori.

Il 70,3% dei cittadini dice che i consumi sono invece un pilastro della libertà personale, perché poter comprare le cose che si desiderano è una parte importante dell’autonomia individuale.

A livello economico inoltre c’è da dire che prima ondata, quasi 4 milioni di famiglie hanno già fatto ricorso a prestiti e aiuti da parte di familiari e amici, soprattutto quelle con redditi bassi (il 25%).

Le reti di sostegno informale sono state dunque spremute; ora per chi entra in sofferenza è alto il rischio di ritrovarsi soli

Così, paura e incertezza colpiscono maggiormente le persone con i redditi più bassi: il 60,3% di essi (contro il 37,2% medio) taglia i consumi per risparmiare soldi da utilizzare in caso di necessità.

Ma per il 76,9% degli italiani sostenere i consumi è una priorità per il benessere delle persone e per dare un supporto concreto all’economia in questa fase difficile.

Per il 15% il lockdown costa troppo, ci vogliono altre soluzioni; il 43,3% inoltre ritiene necessario garantire il giusto equilibrio tra la tutela della salute e la difesa dell’economia.

Il tal senso cioè bisognerebbe distinguere il rischio di contagio nei diversi territori, blindando i territori ad alto rischio e allentando la presa sugli altri.

Per il 30% infine la tutela della salute impone lacrime e sangue, quindi è inevitabile la sofferenza economica.

Mario Resca, presidente di Confimprese ha dichiarato:

La situazione della distribuzione e del commercio in generale; è già durissima oggi, con chiusure soltanto parziali, perché da quando si è cominciato a parlarne, la flessione è stata immediata. I clienti si sono diradati e la distribuzione, la ristorazione e il commercio hanno già intravisto i giorni bui di marzo e aprile.

 

Foto di Marianne Tang da Pexels

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.