Interpol cattura Cesare Battisti

Interpol cattura Cesare Battisti in Bolivia

intopic.it feedelissimo.com  
 

Interpol cattura Cesare Battisti in Bolivia a Santa Cruz

Roma, 13/01/2019 – È arrivata la svolta, l’Interpol cattura Cesare Battisti in Bolivia a Santa Cruz.


Una squadra speciale con investigatori italiani ha catturato il terrorista Cesare Battisti. Latitante dopo la recente svolta elettorale svoltasi in Brasile. Stava camminando tra le strade affollate di Santa Cruz.







E così si chiude un lungo capitolo che negli anni passati ha dato origine ad infruttuosi giochi di forza tra Italia e Brasile. La recente votazione elettorale che ha portato all’elezione di Bolsonaro ha rappresentato una svolta non solo per il Brasile ma anche per l’Italia; infatti il neo Presidente brasiliano, sin da subito, aveva aperto ad una estradizione di Cesare Battisti in Italia. Anticipando i tempi il terrorista si è dileguato facendo perdere, momentaneamente, tutte le tracce a lui riconducibili.

Interpol cattura Cesare Battisti in Bolivia a Santa Cruz: i fatti

Poco prima delle 04:00 del mattino, ora italiana, è arrivata la notizia tanto attesa: “L’Interpol cattura Cesare Battisti.”

L’interpol che si è avvalsa degli investigatori italiani ha intercettato e catturato Cesare Battisti mentre stava camminando; dunque il terrorista si stava muovendo con disinvoltura per le affollate vie della popolosa Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia. Gli agenti lo hanno riconosciuto nonostante l’aspetto camuffato da una barba finta; ma nonostante ciò, l’identificazione non ha lasciato adito a dubbi quando, in una tasca, è stato rinvenuto un documento riportante i dati del sessantaquattrenne Cesare Battisti.

In realtà, rispetto alla diffusione della notizia, l’operazione si era conclusa verso le ore 22:00 in Italia; dunque prima di diffondere la notizia l’Interpol ha proceduto ad effettuare tutte le operazioni necessarie per concludere la cattura senza immediati clamori. Cesare Battisti trovatosi solo si è consegnato senza opporre alcuna resistenza.

Interpol cattura Cesare Battisti in Bolivia a Santa Cruz: l’antefatto

L’operazione ha preso la direzione di Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia, qualche giorno prima di Natale. Per catturare l’esperto terrorista gli agenti hanno dovuto procedere con minuzia e rapidità. Importante è stato anche il supporto degli informatori sul territorio che hanno saputo i giusti elementi per portare a termine la delicata cattura. Senza dare alcuna sensazione al terrorista, l’Interpol ha disposto un serrato presidio intorno alla zona di movimenti di Cesare Battisti. Gli appostamenti hanno consentito di rilevare e seguire il percorso intrapreso dal fuggitivo. Nonostante il tentativo di camuffamento Cesare Battisti ha visto concludersi la propria latitanza una volta vistosi accerchiato.

Interpol cattura Cesare Battisti in Bolivia a Santa Cruz, ora si attende il ritorno

Naturalmente non dovrebbero esserci sorprese negative per l’estradizione in Italia, anche se dovranno essere ultimati tutti i passaggi burocratici; quindi, questa volta, sembra proprio che la lunga latitanza del terrorista Cesare Battisti sia giunta al termine. Con il rimpatrio si potrà chiudere uno dei capitoli più scottanti della storia Italiana.

Altre notizie di cronaca sulla pagina dedicata del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano disperatamente lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".