Aumento pensioni invalidità civile 2020

Invalidità civile 2022, per la revisione dei requisiti non è più indispensabile la visita diretta

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Invalidità civile 2022, per la revisione dei requisiti non è più indispensabile la visita diretta. Lo ha fatto sapere l’Inps. Ora è sufficiente una valutazione della documentazione trasmessa dall’interessato. È stato l’articolo 29-ter del Decreto Legge 16 luglio 2020, n. 76 (Decreto Semplificazione) a introdurre la possibilità, per le commissioni mediche, di redigere verbali. Ricordiamo che l’Inps è sottoposta a un obbligo normativo che impone di verificare periodicamente la permanenza delle condizioni patologiche contenute nel verbale sanitario di accertamento di coloro che sono invalidi civilmente, nel presupposto di un’evoluzione nel tempo del quadro sanitario.

Con il messaggio 25 febbraio 2022, n. 926 l’Istituto nazionale di previdenza sociale ha voluto comunicare le nuove modalità operative di revisione delle prestazioni assistenziali collegate agli invalidi civili. Il nuovo iter ha l’obiettivo di rendere il procedimento più celere e meno gravoso per gli interessati.

Invalidità civile 2022, per la revisione dei requisiti non è più indispensabile la visita diretta

Gli interessati possono allegare la propria documentazione sanitaria tramite il servizio on line Allegazione documentazione Sanitaria Invalidità Civile per una valutazione sugli atti, seguendo le indicazioni del videotutorial o del tutorial (pdf 3 MB), consultabile anche dalla pagina “Accertamento sanitario”.

Ma non finisce qui. Se la documentazione non è ritenuta sufficiente, l’Istituto fisserà un appuntamento per una visita diretta. Infine, nel caso in cui non ci fosse la possibilità di essere presenti alla visita, dovrà essere prodotta una documentata richiesta di giustificazione per motivi amministrativi o sanitari. La mancata presentazione alla visita di revisione comporta la sospensione della prestazione e dei benefici correlati e, successivamente, la revoca.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24