esenzione ticket 2019

Esenzione ticket 2019: per reddito, patologia, invalidità

intopic.it feedelissimo.com  
 

Agevolazione INPS: esenzione ticket 2019 per patologia, malattia rara, invalidità (Legge 104) e reddito ( codici e01, e02, e03, e04 )

 

Roma, 12 Febbraio 2019 – L’esenzione ticket 2019 per reddito, patologia cronica, malattia rara ed invalidità.

  👨‍⚕️ 📝 👛


Il ticket rappresenta il corrispettivo che il Servizio sanitario nazionale (SSN) chiede per fornire alcune prestazioni; quali sono, dunque, i servizi di assistenza soggetti a ticket? Quali sono i casi di esenzione ticket? Ecco cosa riporta la normativa vigente.


Quando si parla di ticket ci si riferisce ai servizi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) che hanno visto il loro esordio nel lontano 2001; infatti, il primo elenco fa riferimento al DPCM 29 novembre 2001.

Successivamente, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 12 gennaio 2017 ha aggiornato quanto stabilito nel 2001; quindi, da oltre due anni il suddetto DPCM rappresenta il punto di incontro tra Stato, Regioni, Province autonome e Società scientifiche. Dunque, l’ammontare dei ticket differisce da regione a regione poiché di competenza delle autorità locali. Ad occuparsi dell’aggiornamento dei servizi LEA è la Commissione nazionale per l’aggiornamento dei LEA e la promozione dell’appropriatezza nel Servizio sanitario nazionale.

Tessera Sanitaria Italia Fronte

Per accedere ai servizi di assistenza è necessario presentare la Tessera Sanitaria (TS), che contiene anche il codice fiscale rilasciato dall’Agenzia delle Entrate.

Per andare incontro al cittadino l’8 Ottobre 2018 è stato pubblicato un opuscolo sulle liste d’attesa.

👨‍⚕️ 📝 👛

Esenzione ticket 2019 per reddito e01 – e02 – e03 – e04

Non tutti sono obbligati a pagare il ticket, infatti sono esenti:

  • le persone di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni, purché appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a €36.151,98 annui (codice E01);
  • inoltre, i disoccupati e familiari a carico con un reddito del nucleo familiare inferiore a € 8.263,31, elevato a € 11.362,05 nel caso di coniuge a carico, più ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico (codice E02);
  • poi i percettori di pensione sociale o percettori di assegno sociale e familiari a carico (codice E03);
  • ed infine, i percettori di pensione minima: di età superiore a 60 anni e familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a € 8.263,31 elevato a €11.362,05 nel caso di coniuge a carico, più ulteriori € 516,46 per ogni figlio a carico (codice E04).

👨‍⚕️ 📝 👛

Esenzione ticket 2019 per patologia cronica o invalidante

Alcune esenzioni ticket sono correlate ad patologie croniche o invalidanti, consultabili sul sito del Ministero della Salute.

😷 🏥

Affiché il diritto all’esenzione ticket venga riconosciuto è necessario che la malattia venga certificata dalle strutture del Servizio sanitario nazionale; inoltre, sono valide:

  • le certificazioni rilasciate da commissioni mediche degli ospedali militari;
  • oppure la copia della cartella clinica rilasciata dalle commissioni mediche degli ospedali militari;
  • ma anche la copia del verbale redatto ai fini del riconoscimento di invalidità;
  • infine, la copia della cartella clinica rilasciata da Istituti di ricovero accreditati e operanti nell’ambito del SSN, previa valutazione del medico del distretto.

Inoltre sono esenti ticket le prestazioni relative all’accertamento, il trattamento e il monitoraggio delle malattie rare.

👨‍⚕️ 📝 👛

Esenzione ticket 2019 per invalidità (Legge 104)

L’esenzione ticket spetta anche alle persone alle quali sia stata riconosciuta un’invalidità (DM 1 febbraio 1991 art.6). L’agevolazione può riguardare tutte le prestazioni specialistiche o le sole prestazioni correlate alla patologia invalidante. Hanno diritto all’esenzione totale ticket per invalidità:

  • invalidi civili ed invalidi per lavoro con una riduzione della capacità lavorativa superiore ai 2/3;
  • poi, gli invalidi civili con indennità di accompagnamento;
  • anche i ciechi (assoluti o con residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi) e sordi;
  • inoltre, gli invalidi civili minori di anni 18 percettori di indennità di frequenza;
  • e gli invalidi di guerra e per servizio appartenenti alle categorie dalla I alla V e dalla VI  alla VIII;
  • ed ancora gli invalidi di guerra appartenenti alle categorie dalla 1ª alla 8ª con pensione diretta vitalizia;
  • quindi anche gli ex deportati nei campi di sterminio nazista KZ (categoria equiparata dalla legge agli invalidi  e mutilati di guerra);
  • infine, le vittime di atti di terrorismo o di criminalità organizzata.

Hanno diritto all’esenzione ticket solo per le prestazioni specialistiche correlate alla patologia invalidante:

  • invalidi per lavoro con una riduzione della capacità lavorativa inferiore ai 2/3;
  • ed anche coloro che abbiano riportato un infortunio sul lavoro o una malattia professionale.

😷 🏥

È l’Azienda Sanitaria locale a rilasciare il certificato di esenzione, su richiesta dell’interessato in possesso dell’attestazione di riconoscimento dell’invalidità.

Altre notizie di economia nella pagina del sito.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano disperatamente lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".