Limite ordinamentale dipendenti pubblici invalidi

Limite ordinamentale dipendenti pubblici invalidi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Chiarimenti sul limite ordinamentale dei dipendenti pubblici titolari di assegno di invalidità, trasformazione assegno ordinario di invalidità in pensione anticipata


Arrivati i chiarimenti sul limite ordinamentale per i dipendenti pubblici, in applicazione dell’articolo 2, comma 5, DLg.31/08/2013 n.101, convertito dalla Lg.30/10/2013 n. 125. Dunque riguarda i dipendenti iscritti al fondo pensioni lavoratori dipendenti dell’assicurazione generale obbligatoria e titolari di assegno ordinario di invalidità previsto dall’articolo 1 Lg.12/06/1984 n. 222.


[adrotate banner=”37″]

Il citato articolo 2 ha disposto che il limite ordinamentale non è modificato dall’elevazione dei requisiti anagrafici stabiliti per la pensione di vecchiaia.

Età limite: compimento 65 anni età dipendenti pubblici

Il compimento del 65° anno di età del dipendente pubblico costituisce il limite alla prosecuzione dell’attività lavorativa, quindi non superabile se il lavoratore ha conseguito i requisiti per il diritto alla pensione. Mentre si avrà il trattenimento in servizio oltre il 65° anno di età esclusivamente per consentire la maturazione della prima decorrenza utile della pensione; quindi al raggiungimento dei requisiti di pensione l’Amministrazione deve risolvere il rapporto di lavoro.

Limite ordinamentale e assegno ordinario di invalidità dipendenti pubblici

Guardiamo i riflessi applicativi del limite ordinamentale nei confronti dei dipendenti pubblici iscritti al FPLD dell’Assicurazione generale obbligatoria ed anche titolari dell’assegno ordinario di invalidità (art.1 Lg.12/06/1984 n. 222).

Premettiamo che l’assegno ordinario di invalidità si trasforma in pensione di vecchiaia ai sensi dell’articolo 1, comma 10, della citata legge n. 222 del 1984. Il commento dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione pubblica:

“Qualora il dipendente decida di non esercitare subito il diritto all’accesso alla pensione di vecchiaia, l’Amministrazione manterrà il rapporto di lavoro fino al compimento dell’età limite ordinamentale di 65 anni. Al raggiungimento di tale età, in considerazione della previa maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia anticipata, l’amministrazione potrà collocare a riposo il dipendente, contando sulla conversione dell’assegno di invalidità in pensione di vecchiaia”.

Dunque, a favore dei lavoratori dipendenti invalidi, in misura non inferiore all’80%, c’è una particolare tipologia di pensione di vecchiaia; denominata “pensione di vecchiaia anticipata” è liquidata a carico della richiamata gestione dei lavoratori dipendenti.

Requisiti e condizioni della pensione di vecchiaia anticipata

Requisiti e condizioni necessari per il conseguimento del trattamento pensionistico della vecchiaia anticipata:

  • l’accertamento dello stato di invalidità in misura non inferiore all’80%;
  • anche il compimento dell’età anagrafica (55 anni per le donne, 60 anni per gli uomini) adeguata agli incrementi alla speranza di vita (per gli anni 2019 e 2020, gli incrementi applicati sono pari a 12 mesi);
  • nonché la maturazione dell’anzianità contributiva minima di 20 anni nel Fondo pensioni lavoratori dipendenti (cfr. circolare n. 262 del 3 dicembre 1984, punto 13.1);
  • inoltre il decorso di 12 mesi dalla data di maturazione del requisito (anagrafico, contributivo o sanitario) da ultimo perfezionato.

Datore di lavoro pubblico – INPS

Rimane in capo al datore di lavoro pubblico l’onere di chiedere all’INPS territorialmente competente l’accertamento del requisito sanitario di cui al citato articolo 1, comma 8, del D.lgs n. 503 del 1992. Dunque, gli esiti dell’accertamento sanitario vengono comunicati dalla Struttura INPS all’interessato ed al datore di lavoro.

 

 

Puoi leggere anche:

Contrasto frodi IVA ecommerce 2024: pagamenti svelati

Opzione donna 2020: novità pensione anticipata

Assegni Familiari 2020 requisiti reddito e q.ta pensione

Tassi primo trimestre 2020 Cessione Quinto Pensioni

Rivalutazione 2020 assegno sociale, ReI e soglie carta

Dsu precompilata 2020: dati e inibizione del trattamento

Online i modelli 2020 definitivi: 730, CU, 770, IVA

Taglio cuneo fiscale 2020: novità bonus Renzi ampliato

Cancellazione fermo amministrativo: gratis da gennaio

Bonus assunzioni 2020 per donne, giovani, laureati, …

Guida uso sito INPS per pensionati titolari di trattamenti

Tassi soglia 1 trimestre 2020: interessi usurari calano

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 

DI SANTE Paolo

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".