Rivalutazione 2020 assegno sociale reddito 2021

Rivalutazione 2020 assegno sociale, ReI e soglie carta

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Assegno sociale, ReI e soglie per la Carta acquisti ordinaria:
valori maggiorati dalla rivalutazione 2020 come da Decreto MEF


Rivalutazione 2020: l’INPS ha comunicato i valori dell’assegno sociale, del ReI, delle soglie ISEE ed anche dei redditi da pensione per avere la Carta acquisti ordinaria.


[adrotate banner=”37″]

A seguito dell’emanazione del decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze, con decorrenza dal 1° gennaio 2020, sono stati rivalutati gli importi:

  • dell’assegno sociale;
  • quindi del ReI;
  • ed anche delle soglie per ottenere la Carta acquisti ordinaria.

💸

 

Rivalutazione 2020
importo assegno sociale e ReI

Il beneficio del ReI ha un tetto massimo commisurato all’ammontare annuo dell’assegno sociale maggiorato del 10%. L’emanazione del decreto interministeriale porta con se la rivalutazione dell’importo relativo all’assegno sociale, che nel 2020 arriva ad un valore annuo di 5.977,79€; quindi, applicando la maggiorazione del 10%, si raggiunge l’importo di 6.575,56€. Dunque tale importo costituisce il valore massimo dell’ammontare del ReI per l’anno 2020.


Tetto massimo annuo: assegno sociale 2020 5.977,79€ – ReI 2020 6.575,56€

💸

 

Perequazione e aggiornamento valori
soglia per la Carta acquisti ordinaria

La misura delle soglie per l’accesso alla Carta acquisti ordinaria è aumentata; dunque i valori delle soglie, per l’anno 2020, sono:

  • l’ISEE deve essere inferiore a 6.966,54 euro (tale valore rileva per la Carta acquisti minori ed anche per la Carta acquisti ultrasessantacinquenni);
  • mentre il valore dei redditi e dei trattamenti dei pensionati deve essere di importo inferiore a 6.966,54 euro, se il richiedente/titolare è di età compresa tra 65 anni e 69 anni;
  • invece se il richiedente/titolare ha una età superiore a 70 anni il valore soglia è pari a 9.288,72 euro (tale valore rileva solo per la Carta acquisti ultrasessantacinquenni).

Soglie: ISEE e pensionati 65/69 anni 6.966,54€ – pensionati oltre 69 anni 9.288,72€

💸

 

Modifica alla validità della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU)
effetti su ReI e Carta acquisti ordinaria

A decorrere dal 1° gennaio 2020, la Dichiarazione Sostitutiva Unica è valida dalla data di presentazione fino al successivo 31 dicembre; dunque le DSU presentate nell’anno 2019 sono pertanto scadute il 31 dicembre 2019. Quindi i titolari di Carta acquisti ordinaria e di ReI devono presentare una nuova Dichiarazione Sostitutiva Unica per continuare ad ottenere i benefici; in mancanza di tale adempimento l’erogazione sarà sospesa fino alla presentazione di una nuova Dichiarazione Sostitutiva Unica valida.


Carta acquisti ordinaria e Rei solo con nuova DSU 2020 valida fino al prossimo 31/12

 

 

Puoi leggere anche:

Dsu precompilata 2020: dati e inibizione del trattamento

Concorso per assunzione di assistenti parlamentari

Nuova Collezione Numismatica 2020 Zecca dello Stato

AGCM sanziona ENI per messaggi ingannevoli diesel+

Garante privacy sanziona Eni Gas e Luce per contratti..

Online i modelli 2020 definitivi: 730, CU, 770, IVA

Taglio cuneo fiscale 2020: novità bonus Renzi ampliato

Ricavi squadre di calcio 2018-2019: la top 20

Investimenti europei per il clima: Europa neutra nel ’50

Dividendo Banca Mediolanum 2020: € extra ad azionisti

Cancellazione fermo amministrativo: gratis da gennaio

Bonus assunzioni 2020 per donne, giovani, laureati, …

Piano Mediobanca 2013 2023

Cannabis coltivata in casa: Cassazione depenalizza

Canapa industriale in Europa vale 36 miliardi

Guida uso sito INPS per pensionati titolari di trattamenti

Tassi soglia 1 trimestre 2020: interessi usurari calano

Bando Isi INAIL 2019: 250.000.000€ a fondo perduto

 

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

 

DI SANTE Paolo

 

 

Avanzamento lettura

 

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".