Piano Mediobanca 2019 2023

Piano Mediobanca 2019 2023: numeri, utili e dividendo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Svelato il Piano Mediobanca 2019 2023 con utili e dividendo in crescita

 

Da Mediobanca arrivano informazioni su alcuni degli obiettivi inseriti nel Piano 2019-2023; a Piazzetta Cuccia si prevede uno sviluppo dei ricavi sostenuto da tutti i segmenti di attività.

[adrotate banner=”37″]

La società Mediobanca nello sviluppo del Piano 2019 – 2023 prevede una crescita dei ricavi ad un ritmo medio del 4% per ogni anno fino al 2023; quindi, conta di raggiungere un valore pari a 3 miliardi di euro. Come effetto diretto, è prevista anche una progressione dell’utile per azione, che viene visto in crescita del 4% in media l’annuo, a 1,1€ da 0,93€.

Piano Mediobanca 2019 2023: Wealth management – Corporate & Investment banking – Consumer banking

Entrando nel dettaglio del Piano Mediobanca 2019 2023:

  • il ramo Wealth management si prevede che diventi il primo contributore alle commissioni del gruppo, grazie ad una crescita media dell’8% l’annuo;
  • mentre il Corporate & Investment banking viene visto in crescita in media del 6% l’anno;
  • invece il Consumer banking dovrebbe registrare un +3% medio annuo.

Il Principal investing, che vede preminente la quota Generali, contribuirà positivamente con ricavi in aumento del 3% annuo.

Per quanto riguarda il ritorno sul capitale tangibile nel Piano Mediobanca 2019 2023 si prevede un aumento all’11% che per le singole divisioni diventa pari:

  • al 25% dal 16% per il Wealth management;
  • poi al 16% dal 15% per il Corporate & Investment Banking;
  • al 28%-30% per il Consumer banking;
  • all’11% per il Principal investing.

Piano per il dividendo (anche detto cedola) 2020 0,52€ – 2021 0,54€ – 2022 0,57€ – 2023 0,60€

Sviluppando il Piano 20192023, per il dividendoMediobanca ha deciso di sostenere una politica di incremento della remunerazione complessiva degli azionisti; quindi la quota verrà alzata fino a raggiungere una quota pari al 50%, in termini di valore fino a 2,5 miliardi.

Scendendo più in dettaglio il dividendo (cedola) dai precedenti 0,47€ ad azione passerà a:

  • 0,52€ nel 2020, quindi con un incremento del (10%) sul 2019;
  • poi a 0,54€ nel 2021, superiore del 5% rispetto al 2020;
  • a 0,57€ nel 2022;
  • infine a 0,60€ nel 2023.

Dunque, in totale, Mediobanca nel Piano quadriennale 2019 – 2023 ha previsto di erogare dividendi per 1,9 miliardi; inoltre è programmato un buyback tra i 300 ed i 600 milioni di euro.

L’ultimo quinquennio di Mediobanca è caratterizzato de un ritorno totale agli azionisti pari al 77%, un primato tra le banche italiane.

Piazzetta Cuccia detiene una partecipazione pari al 13% in Generali che manterrà; mentre dal 6 novembre 2019, Unicredit detiene una partecipazione potenziale dello 0,754% (0,258% di diretta proprietà con diritto di voto); inoltre Leonardo Del Vecchio ha, indirettamente, il 9,89%.

Il testo integrale del Piano Mediobanca 2019 2023.

Puoi leggere anche:

Borsa Italiana oggi 12 novembre 2019: Milano +1,24%

Dividendo Mediobanca 2019 – data stacco – Bilancio

Produzione olio extravergine 2019: anno boom Puglia

Si saprà il nome di chi effettuerà operazioni bancarie

Fibonacci: successione aurea e matematica moderna

Brahmagupta è il matematico che introdusse lo zero

Bitcoin: possibile boom nel 2020?

↪️ Altre  notizie di economia nella pagina dedicata del sito.

DI SANTE Paolo

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".