Iride nuovo Touch ID per iPhone

 

L’iride sbloccherà i nuovi iPhone.

Apple negli ultimi tempi sta lavorando ad un sistema di sicurezza “migliore” rispetto al vecchio, per così dire, Touch ID. Questo è ciò che Bloomberg ha dichiarato. Questo nuovo sistema di sicurezza permetterà agli utenti di sbloccare il proprio smartphone attraverso il riconoscimento facciale.

Che cos’è

Si tratta di un sistema con un sensore 3D installato nella fotocamera interna che permette il riconoscimento facciale dell’utente. Stando alle fonti, il noto colosso Americano, sta testando anche la scansiona dell’iride. L’uso del riconoscimento facciale permetterebbe di sbloccare il proprio iPhone in poco tempo, anche quando lo stesso è poggiato su una superficie. Questo sistema permetterebbe di captare molti più dati rispetto alle impronte digitali rendendo il dispositivo molto più sicuro.

Questa nuova funzionalità è ancora in fase di test e probabilmente non verrà inclusa nei nuovi iPhone in uscita ad ottobre. L’intento della casa è quello di sostituire l’attuale Touch ID. Anche se un noto portavoce Apple non ha voluto (o forse potuto) commentare la notizia.

prototipo dei nuovi iPhone

Samsung e l’iride

La nota rivale Apple ha deciso di implementare solo nei loro top di gamma un sistema simile. Infatti hanno scelto lo scanner dell’iride. Però è risaputo che questo non è un sistema sicuro e di certo non a prova di ladro. Degli hacker hanno tranquillamente bypassato le misure di sicurezza Samsung utilizzando semplicemente una foto stampata su carta e una lente a contatto. Addirittura circola un video dove sono riusciti a sbloccare un telefono, per la precisione un s8,con una foto

La soluzione trovata da Apple dovrebbe essere nettamente migliore e molto più sicura, in quanto dovrebbe usare il riconoscimento 3D. In questo modo si dovrebbe evitare il fail effettuato da Samsung ostacolando i tentativi di aggiramento con semplici immagini.

Fonte

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24