Isola dei Famosi

Isola dei Famosi, televoto truccato? Parla Lele Mora

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Isola dei Famosi, televoto truccato? L’argomento era alla ribalta dopo le dichiarazioni di Lele Mora del 2009, secondo lui l’agente dei Vip sarebbe riuscito a favorire la vittoria di Walter Nudo, naufrago della prima edizione del reality, tramite televoto truccato.

Mora era stato poi intervistato da Striscia la Notizia dove ha raccontato ad Ezio Greggio: “Caro Ezio credo che questa cosa si faccia da tempo. Se hai voglia di far crescere un’artista dentro un gioco, un reality ti muovi per far si che vinca. All’Isola dei famosi, il primo anno con Walter Nudo, che era un’artista che lavorava con me, parenti, amici e anche io qualche cosa ho fatto perché vincesse o prendesse molti voti e ci si adatta in mille versioni”.

 

Isola dei Famosi, televoto truccato?

Lele Mora poi ha dettagliato anche sulla questione dei call-center: “Credo che tra zii, amici, parenti abbiamo investito circa 25.000 euro. Vinci un premio importante, specialmente se è in denaro. Il primo posto porta sempre a delle situazioni belle a dei lavori che arrivano dopo. Ecco perché a volte si fa questa tipologia di investimento”.

Nel tempo, sono stati banditi i televoti tramite call-center. Negli anni però Lele Mora è tornato a parlare dell’argomento in una puntata di Live Non è la D’Urso. Al riguardo ha risposto in merito alla vittoria di Walter Nudo: “Walter tu sei un bravissimo ragazzo. Il nostro lavoro è stato un grande lavoro tuo da una parte e mio dall’altra […] per vincere dobbiamo ringraziare i miei soldi che ho tirato fuori dalla mia tasca, devi dirmi grazie”.

Ricordiamo che Walter Nudo ha vinto anche la terza edizione del Grande Fratello Vip 3. Questa discussione può dirsi conclusa o ci saranno nuove rivelazioni relativamente a queste dinamiche? Non resta che attendere la ripresa del palinsesto dei programmi di Canale 5 per capirne l’evoluzione in merito.

 

 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu