La Mercedes

La Mercedes porta a casa la quarta doppietta

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La Mercedes di Lewis Hamilton e Bottas conquista la quarta doppietta del mondiale di Formula Uno. Questa volta è Bottas a salire sul gradino più alto del podio. Il pilota finlandese era partito dalla pole, riuscendo a mettersi alle spalle il compagno di squadra Hamilton. Si tratta quindi della quarta doppietta consecutiva per la scuderia. La Mercedes quindi al momento si è mostrata superiore rispetto alla Ferrari.

Al riguardo, il Team Principal Ferrari Mattia Binotto ha affermato:

“Che la Mercedes sia forte non è una sorpresa, lo sapevamo. Non erano però queste le nostre aspettative. In qualifica questo weekend potevamo fare meglio. Ci siamo complicati la vita, partendo dietro. Essere davanti avrebbe aiutato per l’utilizzo delle gomme. Si è visto anche nella difficoltà di Hamilton nell’attaccare Bottas. C’è da dire però che loro sono stati veloci, noi non abbiamo mai avuto il ritmo, anche con Vettel”.

La Mercedes trionfa al Gp dell’Azerbaijan

La Mercedes è sempre più in forma in questo mondiale di Formula Uno. La scuderia può coccolarsi i suoi due gioiellini, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Per l’occasione, l’ha spuntata Bottas su Hamilton e il britannico ha voluto fare i complimenti al compagno di squadra.

“Per prima cosa voglio dire congratulazioni a Valtteri, perché ha fatto una gara fantastica, senza errori, ed ha meritato pienamente la vittoria dopo aver fatto anche la pole. Però è un grande risultato anche per il team, perché non abbiamo mai avuto un avvio di stagione così forte”, ha commentato Hamilton.

Il britannico ha poi aggiunto sulla forza della squadra:

“Il lavoro di squadra è la nostra forza. Questa squadra è più forte di quanto non sia mai stata in passato perché tutti lavorano benissimo insieme. Entrambi i piloti si stanno spingendo al limite della macchina e in ogni weekend danno il massimo. Lo stesso vale per il team e lo si vede nei pit stop, nello sviluppo in fabbrica. Io non ho mai visto la squadra così forte come ora”.

Fonte immagine: Il Tempo

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu