Il Leone prepotente: una fiaba contro il bullismo di S. Lanno

“Il bullismo è una forma di comportamento sociale di tipo violento e intenzionale, di natura sia fisica che psicologica, oppressivo e vessatorio, ripetuto nel corso del tempo e attuato nei confronti di persone considerate dal soggetto che perpetra l’atto in questione come bersagli facili e/o incapaci di difendersi”  Citando questa definizione, lo scrittore Salvatore Lanno, ha introdotto, il suo libro: Il Leone prepotente, durante la presentazione che si è tenuta lo scorso 3 febbraio 2018 presso la Biblioteca Comunale di Catalafimi.

La foresta nella favola è il mondo in cui viviamo, il leone è il cattivo

Lo scrittore, giornalista e insegnante Salvatore Lanno è stato introdotto durante la presentazione dal Sindaco dott. Vito Sciortino e dall’assessore della Pubblica Istruzione la dott.ssa Manuela Fanara. La favola per bambini è stata scritta dall’autore sulla base della propria esperienza come docente. Le  illustrazioni sono di Riccardo Salafrica. Il racconto è dinamico, scorrevole e portano il lettore a entrare ancor di più nella storia attraverso le immagini a colori. Metaforicamente nella fiaba si racconta di un Leone che con prepotenza e arroganza cerca di salvare la propria vita a discapito di altri. I personaggi impauriti, che sono attorno a lui rispettano il “volere” del re della foresta. Ma l’astuzia, certe volte aiuta a sconfiggere le ingiustizie. “Fidarsi e affidarsi solo a se stessi, non a chi ha il potere”. Non bisogna soffermarsi alla prima impressione e credere che stare dalla parte del più forte sia l’unica soluzione per ottenere dell’aiuto. Molte volte l’esteriorità offusca il nostro giudizio e ci porta fuori strada fino a farci cadere in trappola.

Non possiamo far finta di nulla

Salvatore Lanno, in merito al fenomeno del bullismo, durante l’evento ha riportato una citazione della presentatrice Maura Manca (trasmissione Mai più bullismo): “C’è qualcosa che non va nella comunicazione che facciamo, c’è qualcosa che non funziona, perché non è possibile che i ragazzi siano inondati di informazioni e non abbiano ancora imparato a nuotare”. Lo scrittore ha menzionato anche alcuni dati inerenti questo fenomeno sociale deviante: “Più della metà dei bambini adolescenti tra gli 11 e i 17 anni hanno subito almeno un episodio di bullismo nell’arco di un anno”; “Un ragazzo su cinque è vittima di atti di bullismo ripetuti e frequenti”.  Lanno interagendo con il pubblico in sala ha dichiarato: “Non possiamo fare finta di nulla, i bambini vanno ascoltati, i più grandi devono mettersi nei loro panni e non avere reazioni eccessive. I bambini o ragazzi non vanno fatti sentire in colpa. Le vittime di bullismo hanno paura a denunciare i fatti, mentre i genitori la maggior parte delle volte non crede ai figli perché sono distratti. La foresta nella favola è il mondo in cui viviamo e il leone è il cattivo.”

 

Via