L’evoluzione non sarà più insegnata nelle scuole turche

L’evoluzione non sarà più insegnata nelle scuole turche, cosi’ ha affermato un funzionario di istruzione superiore, in una mossa che potrebbe suscitare l’ira dell’opposizione laica del paese.

Alpaslan Durmuş, che presiede il consiglio d’istruzione, ha dichiarato che l’evoluzione e discutibile, controversa e troppo complicata per gli studenti.

“Crediamo che questi temi siano al di là della loro comprensione”, ha detto Durmuş in un video pubblicato sul sito web del ministero dell’educazione.

Durmuş ha detto che un capitolo sull’evoluzione è stato anche rimosso dai libri di laurea in biologia. Un’altra modifica al curriculum che può ridurre la quantità di tempo che gli studenti spendono a studiare l’eredità del secolarismo.

Una contrapposizione di idee sull’evoluzione, tra politica e religione

I critici del governo credono che la vita pubblica sia sempre più spogliata delle tradizioni laiche instillate dal fondatore della nazione, Mustafa Kemal Atatürk.

L’opposizione secolare ha da tempo sostenuto che il governo di Recep Tayyip Erdoğan sta perseguendo un’agenda islamista segreta contraria ai valori fondatori della repubblica. L’istruzione è un viale particolarmente controverso, a causa del suo potenziale nel modellare le generazioni future. Le proteste di piccole dimensioni dei genitori nelle scuole locali che si sono opposti al modo in cui la religione è insegnata.

Non c’è molta accettazione dell’evoluzione come concetto tra i cleri musulmani principali in Medio Oriente, che credono sia in contraddizione con la storia della creazione nella Scrittura, in cui Dio ha dato vita al primo uomo, Adamo, dopo averlo formato dall’argilla. Tuttavia, l’evoluzione viene insegnata brevemente in molti corsi di biologia della scuola superiore nella regione.

Le modifiche finali del programma saranno probabilmente annunciate la prossima settimana dopo la festa musulmana Eid o Bayram festival, alla fine del mese di digiuno del Ramadan. I progetti di modifica erano stati presentati per la consultazione pubblica all’inizio dell’anno.

L’evoluzione, definita argomento arcaico e insufficiente

L’argomento dell’evoluzione ha in particolare agitato il dibattito all’inizio di quest’anno, dopo che Numan Kurtulmuş, il vice primo ministro, ha descritto il processo come una teoria che era sia arcaica che insufficiente.

Le relazioni sui media turche nelle ultime settimane, basate sulle apparenti perdite di riunioni del consiglio scolastico, hanno anche predetto un ruolo ridotto nel curriculum per lo studio di Atatürk e un aumento delle ore dedicate allo studio della religione. Durmuş ha affermato che una maggiore enfasi sarà posta sui contributi degli scienziati musulmani e turchi e delle classi di storia che si allontanano da un approccio “eurocentrico”.

I cambiamenti erano basati su un’ampia consultazione pubblica in cui i genitori e il pubblico hanno svolto un ruolo chiave, ha dichiarato.

Il dibattito islamista-laico è solo una serie di divisioni in un paese che due mesi fa ha approvato un referendum che ha concesso al presidente Erdoğan ampie nuove potenze.

Molti, vedono la sua ascensione come una sconfitta dell’elite “Turchi Bianchi” – un’élite occidentalizzata che dominava gli echeloni superiori della società ed era accusata di guardare con disprezzo I cittadini più poveri e più religiosi.

L’opposizione secolare e preoccupata del fatto che il presidente e il suo partito stanno riformando la società turca e aderendo agli ideali neo-ottomani che vedono la Turchia come l’avanguardia di una nazione islamica.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24