Lo sguardo espressivo dei cani

Lo sguardo espressivo dei cani intenerisce l’uomo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Lo sguardo espressivo dei cani intenerisce l’uomo

Lo sguardo espressivo dei cani intenerisce l’uomo. Durante il processo in cui abbiamo addomesticato i cani, essi hanno sviluppato nuovi muscoli intorno agli occhi per comunicare meglio con gli esseri umani. Nel corso del tempo, infatti, la loro espressione è diventata più intensa ed in grado di attirare la nostra attenzione.

[adrotate banner=”37″]

La scoperta dell’università di Portsmouth

Una squadra di ricercatori dell’università di Portsmouth, diretta dalla psicologa comparativa Juliane Kaminski, ha comparato l’anatomia e il comportamento dei cani e dei lupi. Da questo studio è emerso che l’anatomia facciale di questi ultimi è molto simile a quello dei cani, ad eccezione per la muscolatura sopra gli occhi. Il migliore amico dell’uomo ha un piccolo muscolo, denominato Action Unit (AU) 101, che gli consente di alzare facilmente la zona del sopracciglio, che lo separa dal resto della fronte. In questo modo può dirigere la vista verso gli umani con un’espressione che ci appare più profonda.

La dottoressa Kaminski asserisce che “i cani alzano le sopracciglia più interne con un’intensità più elevata rispetto ai lupi. Le sopracciglia più espressive possono essere il risultato di preferenze inconsce degli uomini che hanno influenzato la selezione durante l’addomesticamento. Quando i cani muovono la fronte suscitano un forte desiderio negli esseri umani di prendersi cura di loro. E’ un meccanismo innato, che si presenta anche nei confronti dei bambini“.

Un’evoluzione avvenuta nel corso dei millenni

Questa evoluzione, che si è attuata nel corso dei millenni, ha fornito un’arma in più ai cani (che per lungo tempo hanno vissuto come animali selvatici), per difendersi e, allo stesso tempo, avvicinarsi a noi.

Già altre ricerche, in passato, avevano dimostrato come questi mammiferi fossero molto più ricettivi riguardo alla gestualità umana, persino più dei primati.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica americana “National Academy of Sciences” (PNAS).

Fonte Immagine: La Stampa 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Avatar