Linux arriva su Marte: l'atterraggio di Perseverance

Linux arriva su Marte: l’atterraggio di Perseverance

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Ieri, la NASA ha fatto atterrare un rover chiamato Perseverance su Marte. Io, insieme ad altre 2 milioni di persone, ho visto lo sbarco in diretta sul sito della NASA. È stato bellissimo. Voglio dire, ecco questo piccolo robot che ha viaggiato per milioni e milioni di chilometri attraverso l’aridità dello spazio, e ora è solo in giro su Marte a fare foto e raccogliere campioni scientifici da analizzare.

In ogni caso, Perseverance non ha attraversato solo la vastità dello spazio. Ingenuity, un minuscolo drone, lo ha accompagnato per il viaggio. Poiché si tratta principalmente di una dimostrazione tecnologica, il destino di Ingenuity è tentare il primo volo a motore su qualsiasi pianeta diverso dalla Terra. Si spera possa rappresentare il modello per le future missioni su Marte. Funziona anche con Linux.

Linux si spinge su Marte con un codice open source

Questa è la prima volta che useremo Linux su Marte“, ha detto l’ingegnere senior della NASA Jet Propulsion Laboratory (JPL) Tim Canham in un’intervista con l’Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE). “Il framework software che stiamo utilizzando lo abbiamo sviluppato al JPL per cubesats e strumenti e lo abbiamo reso open source alcuni anni fa” Si chiama F’ (pronunciato ” F prime”). Il fatto che sia open source significa che se vuoi volare con Linux qui sulla Terra usando lo stesso software di JPL, puoi assolutamente farlo.

“È una specie di vittoria open-source. Stiamo pilotando un sistema operativo open-source e un framework software di volo open-source e parti commerciali che puoi acquistare dallo scaffale del negozio. Se vuoi farlo tu stesso un giorno, potrai“, Canham ha detto. Roba fantastica. È bello che Perseverance, Curiosity e Ingenuity abbiano tutti trovato una nuova casa sulla superficie di Marte. Vedremo cosa scopriranno nei prossimi anni con i nuovi robot inviati su Marte.

Via

 

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com