Marte

Marte e la fantascienza: pianeta oggetto di tante opere

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Marte e la fantascienza, il pianeta oggetto di tante opere, da sempre oggetto di attenzioni scientifiche e di fantasiose storie.

Fin dall’antica Grecia Marte era il Dio della Guerra e, quindi delle liti e delle contestazioni.

Si è sempre parlato di extraterrestri che sono venuti sulla terra tanti anni fa, di marziani e dischi volanti; c’è un grande fiorire di affermazioni su questi argomenti e finanche l’esistenza della famigerata zona 51 in America, dove, si afferma l’esistenza di esseri alieni.

L’interrogativo a cui l’uomo tenta di rispondere è sempre lo stesso: siamo soli nell’universo?

Marte e la fantascienza: c’è vita sul pianeta?

C’è vita su Marte?

La NASA ha in atto un ampio programma per il raggiungimento e l’esplorazione del pianeta Marte.

La storia recente ci parla di due missioni che hanno toccato il suolo di Marte, hanno cioè effettuato un marterraggio…(se  si può passare questo nuovo termine).

Marte e la fantascienza: le missioni sul pianeta

La sonda Curiosity è atterrata su Marte il 6 agosto 2012: lanciata nel 2011, Curiosity fa parte della missione spaziale della Nasa denominata “Mars Science Laboratory”.

Essa è molto più grande e pesante di quelle inviate sul Pianeta Rosso nel 2004 e vi ha trasportato strumenti scientifici molto più avanzati di qualunque altra missione precedente.

Tra questi ci sono ad esempio fotocamere, spettrometri di massa e strumenti per misurare le radiazioni.

Doppia scoperta di Curiosity su Marte: rilevate molecole organiche e la presenza di metano “stagionale” che potrebbero far supporre segni di vita passata.

I dati inviati non danno una prova certa dell’esistenza della vita, ma fanno affacciare l’ipotesi che tre miliardi e mezzo di anni fa il pianeta rosso ne poteva avere.

La missione  Marx Express lanciata dalla NASA nel giugno 2003  entrata in orbita marziana  il 25/12/2003 continua a mandare foto agli scienziati sulla Terra, dalle quali i ricercatori tentano di carpire i più reconditi aspetti del Pianeta Marte.

I campioni di terreno prelevati nel Cratere Gale (dove ha percorso oltre 19 km) sono analizzati e dai risultati è emerso che ci siano concentrazioni di carbonio organico.

Il 26/11/2018 è giunto sul Pianeta Rosso anche Insight (acronimo che sta per Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport), partito dalla Terra il 5 maggio 2018.

Il lander (così è stato definito il veicolo spaziale) è atterrato su Marte nella regione vulcanica di Elysium.

Il lander  ha posizionato il suo primo strumento – il sismografo – sulla superficie.

Un evento importante e fondamentale, poiché per la prima volta un macchinario del genere viene posizionato su un altro pianeta extraterrestre.

Marte e la fantascienza: l’obiettivo

Obiettivo della missione è quello di aver maggior dati possibili sulla composizione del sottosuolo (fino a cinque metri) marziano.

I primi dati forniti rivelano la presenza di una specie di ghiaccio: una scoperta a dir poco sensazionale.

A questa missione ha registrato una forte presenza della tecnologia italiana.

Autore dell'articolo: Marco Vittoria