Mercato smartphone primo trimestre 2019

Mercato smartphone primo trimestre 2019: Samsung, Huawei, Apple

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Andamento mercato smartphone primo trimestre 2019 area EMEA: Samsung, Huawei, Apple

 

Milano, lì 20 giugno 2019 – In calo il mercato degli smartphone nel primo trimestre 2019: resiste Samsung, cresce Huawei, giù Apple.

 


I dati fotografano l’andamento del mercato smartphone nell’area Europe, Middle East, Africa (EMEA) e sono relativi al primo trimestre 2019. Si assiste ad un calo generalizzato dei maggiori produttori, mentre i marchi asiatici guadagnano fette di mercato. La tecnologia 5G sta muovendo i primi passi ma è previsto un aggiornamento più dilazionato nel tempo rispetto il passaggio al 4G.


[adrotate banner=”37″]

Il trend dell’area EMEA per quanto concerne il mercato smartphone segna un calo pari al 3,3% rispetto lo stesso periodo 2018; infatti, il numero delle unità si è fermato a quota 83,7 milioni, confermando un mercato in rallenamento.

Questo è il report Quarterly Mobile Phone Tracker di International Data Corporation (IDC). Il valore totale, ante imposte, è sceso a 26.780 milioni di dollari, circa il 10% in meno rispetto allo stesso periodo 2018.

Mercato smartphone primo trimestre 2019: Europa, Medio Oriente, Africa

È il Medio Oriente a registrare il più evidente rallentamento con un calo del 18,8% rispetto all’anno precedente; tale calo si traduce in una perdita di quasi un terzo in termini di valore. poiché la recente spinta al rialzo del prezzo del petrolio non ha ancora tradursi in maggiore fiducia e spesa dei consumatori. Invece il mercato degli smartphone in Africa ha mostrato una crescita del 6%.

I prezzi medi hanno subito un taglio nell’Europa occidentale, mentre nell’Europa centrale e orientale rimangono stabili.

Marta Pinto, research manager di IDC EMEA, ha dichiarato:

“Nelle marche, Huawei ha continuato a fare progressi incrementali, così come Xiaomi, mentre Apple ha avuto un trimestre difficile, con una quota di mercato del 23% in tutta Europa il più basso risultato del Q1 in cinque anni. Il mercato è cambiato negli ultimi trimestri in modi relativamente prevedibili. Le spedizioni sono rallentate poiché i consumatori restano attaccati ai dispositivi più a lungo. Apple è stata messa alla prova con i suoi dispositivi più recenti ed i produttori cinesi hanno fatto passi da gigante ogni trimestre.”

Così Simon Baker, direttore del programma di IDC EMEA:

“L’Europa è stata al centro della concentrazione dei venditori negli ultimi trimestri, con alcuni dei players più piccoli sottoposti a molta pressione. Guardando al futuro, non è più possibile vedere tendenze chiare. L’inclusione di Huawei nella lista nera degli Stati Uniti sta creando tante incognite. Incertezza è la nuova parola chiave nel settore in quanto la geopolitica globale diventa un fattore importante.”

Mercato smartphone primo trimestre 2019: la tecnologia 5G

La tecnologia in 5G ha mosso i primi passi in Europa dal mese di aprile col il lancio in Svizzera, seguita dalla GB e degli USA.

A tale proposito Pinto ha dichiarato:

“Nonostante una considerevole fanfara sui lanci, con gli Stati Uniti che saranno il prossimo paese a vedere le nuove reti in funzione, ci vorrà un po ‘di tempo prima che i dispositivi 5G siano una parte importante del mercato europeo degli smartphone.”

La diffusione del 5G in Europa è vista da IDC come più lenta rispetto al 4G. L’ampia diffusione del servizio 4G porta gli operatori mobili a puntare su campagne pubblicitarie improntante alla persuasione sulla necessità di un aggiornamento tempestivo.

Altre notizie di economia sulla pagina del sito.

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Paolo Di Sante

Avatar
Ogni giorno genitori danno tutto per la famiglia, lavoratori si sacrificano per lo stipendio, disoccupati cercano lavoro, imprenditori e professionisti cercano di mandare avanti l'attività. E poi c'è l'Italia, un paese intasato di burocrazia e norme che sembrano remare contro chi si alza la mattina per affrontare la giornata. Tutto ciò ha mosso in me la voglia di pubblicare studi, ricerche ed appunti che sono frutto di oltre un ventennio di lavoro: adempimenti fiscali, civilistici ed amministrativi; servizi alle aziende ed alle persone in campo amministrativo e finanziario. Credo che la diffusione delle informazioni porti equità sociale. Il mio motto preferito: "l'unione fà la forza".