Misterioso tornado sottomarino scoperto in Australia

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Misterioso tornado sottomarino scoperto in Australia – Del nostro mondo cerchiamo assiduamente di scoprire sempre più. Ma una cosa è certa, viviamo in un mondo ancora pieno zeppo di misteri e con tante cose ancora nascoste. Talvolta le scoperte più importanti ed anomale vengono fatte per caso, e in queste scoperte rientra la recente scoperta di un tornado sottomarino scoperto in Australia.

L’incredibile, misterioso, tornado sottomarino scoperto in Australia

Questa straordinaria scoperta è stata fatta per puro caso durante un’immersione (per controllare, mappare e scoprire un’area di fondale marino non conosciuta), trasmessa in streaming il 22 maggio 2020, nel Coral Sea Marine Park, in Australia. Missione gestita dalla fondazione oceanografica Schmidt Ocean Institute; utilizzando un robot sottomarino gestito da remoto. Improvvisamente, durante l’immersione, i ricercatori hanno scoperto un misterioso tornado sul fondale oceanico, e lo stupore degli studiosi in diretta era incredibile. Dopo qualche secondo il tornado si è poi dissolto. Lasciando comunque stupore e meraviglia non solo agli scienziati, ma anche agli utenti che stavano seguendo la diretta. A questo link potete vedere il video di questo fenomeno:

https://twitter.com/SchmidtOcean/status/1263813294801907712?s=20

Possibili spiegazioni del tornado sottomarino

Dopo aver scoperto questo insolito evento, è partita una vera e propria caccia alla verità, con varie ipotesi e teorie. Innanzitutto, il geologo marino Robin Beaman, ha chiamato quel tornado osservato tornado bentonico, simile ad una tempesta bentonica; vale a dire l’insieme delle turbolenze delle onde che avvengono presso i fondali marini. Ma mai prima d’ora era stato osservato un tornado bentonico. Probabilmente è nato da un insieme di correnti e di turbolenze, rapide e veloci, che hanno dato vita a questo misterioso tornado sottomarino.

Altre possibili spiegazioni

Altra ipotesi è che quel tornado si sia generato a causa di una crepa o spaccatura del fondale marino. Infatti è comunemente osservabile un simile fenomeno quando si va a riempire una vasca o un lavandino con l’acqua (ovviamente con il tappo) e poi stappare per far scendere l’acqua nei tubi. A causa della forza di gravità l’acqua scende sotto forma di vortice. È anche probabile che il tornado sottomarino si sia generato in questo modo. Sembra però essere un’ipotesi remota visto che non si vedono chiari segni di possibili crepe o spaccature.

Atra possibile ipotesi suggerisce che quel tornado si sia generato dal passaggio o il movimento di qualche animale sottomarino o una specie animale marina ancora sconosciuta. Ma anche in questo caso non ci sono abbastanza segni evidenti del passaggio o movimento di un animale marino, anche se non è da escludere.

Secondo gli studiosi che hanno fatto questa scoperta, questo tornando sottomarino scoperto in Australia è stato semplicemente il frutto dei propulsori del loro robot sottomarino. Secondo noi è un’ipotesi azzardata perché nella stessa diretta gli studiosi escludevano l’origine dei propulsori. Inoltre dovrebbero essere scene comuni perché simili robot sottomarini vengono usati spesso e volentieri nelle immersioni subacquee. Mentre in questo caso è la prima volta che avviene un simile evento. Qual’è la verità? I misteri rimangono.

Conclusioni

In conclusione bisogna dire che questa scoperta è davvero strabiliante. L’origine, seppur tra varie ipotesi, resta un mistero. Anche se probabilmente si è generato da turbolenze e correnti dei fondali marini (come una sorta di “atmosfera acquatica”). In ogni caso i fondali marini, i mari, così come il nostro pianeta, sono ricchi di misteri da svelare e come con lo spazio conosciamo ancora troppo poco. Ma in fin dei conti le ricerche, le teorie, le ipotesi, gli studi e le indagini servono proprio per capire di più su tutto ciò che ci circonda ed esiste.

 

Fonte immagine: IL MESSAGGERO 

Ti potrebbe interessare leggere questo articolo:

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24