Omicidio a Torre del Greco, il figlio uccide la madre a botte

Omicidio a Torre del Greco, il figlio uccide la madre a botte

 

Omicidio a Torre del Greco, nel napoletano, il figlio ha ucciso la madre a botte. Ennesimo femminicidio in Italia. Questa volta a Torre del Greco, comune di 85.000 abitanti nel napoletano. Un efferato delitto compiuto questa mattina, in via Remaioli, traversa della centralissima Via Cesare Battisti. La vittima B. C,  una donna di 56 anni è morta verosimilmente  sotto le botte del figlio F. C di un 33 enne con problemi psichici e dipendente da alcol e droghe.

Omicidio a Torre del Greco….la vicenda

Il terribile omicidio è avvenuto in un piccolo appartamento situato vicino al centro di Torre del Greco, dove a quanto pare la vittima, separata dal marito condivideva la dimora con il figlio. Un uomo dal passato burrascoso e secondo le informazioni raccolte dai cronisti locali, seguito dai servizi psichiatrici dell’Asp Napoli 3 sud. A quanto pare, il parente più prossimo della donna al culmine di una lite si è avventato sulla madre colpendola a calci e pugni e adoperando anche un cacciavite. A dare l’allarme i vicini di casa della stessa palazzina, che hanno chiamato subito i soccorsi. Sul posto sono intervenuti immediatamente i sanitari del 118 dell’ospedale Maresca di Torre del Greco e le forze dell’ordine del Commissariato vicino. Purtroppo la signora è morta poco dopo. La donna lavorava presso l’istituto comprensivo: Don Bosco Assisi , colpito di recente da Covid 19 dove due insegnati hanno perso la vita.

Le accuse

Gli investigatori hanno fermato quasi subito il figlio della donna F.C con un passato da tossicodipendente e sotto le cure dell’asp per una patologia psichica. L’uomo è in attesa della convalida del fermo da parte della Procura presso Torre Annunziata, competente territorialmente del paese di Torre Del Greco. Al fondo  di tutta la vicenda resta il dramma di una famiglia disagiata e soprattutto l’ennesimo femminicidio consumato nell’ambito degli affetti familiari. Una vicenda, che ha scosso profondamente l’opinione pubblica locale.

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24