Prostituta uccisa a coltellate , fermato il convivente

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Prostituta uccisa a coltellate, fermato il convivente. Per l’omicidio della donna uccisa domenica a San Giuliano Milanese, i carabinieri sono riusciti già a dare un volto all’aggressore. I militari dell’arma hanno già fermato un sospettato A. K di 43 anni è il convivente della vittima. L’uomo ha colpito e ucciso Luljeta Heshta di 47 anni con ben 5 coltellate alle gambe e al corpo. La donna era regolare in Italia già da qualche tempo e aveva precedenti per prostituzione. Luljeta è deceduta subito dopo il trasporto in ospedale a causa delle numerose ferite inferte.

Prostituta uccisa a coltellate…..la vicenda

Un efferato delitto, quello avvenuto domenica 7 Febbraio a San Giuliano Milanese. La prima chiamata è arrivata ai carabinieri solo poco dopo le 13.00. Una voce diceva: ” C’è un uomo che sta inseguendo una donna”. Il fatto si è verificato presso la rotonda della Binasca di Melegnano. In quel posto Luljeta svolgeva il lavoro di prostituta mentre la sua residenza era a Milano. Una zona frequentata dalle “ lucciole “del posto sia di notte, che di giorno. Grazie alla testimonianza di alcuni passanti, si è potuto giungere presto alla verità. La Procura di Lodi, ieri aveva fatto appello a qualche possibile persona, che avesse visto il fatto per intero. L’aggressore vestito di scuro è stato visto arrivare a piedi dalla rotonda. Lei si è messa a correre. Secondo le ricostruzioni, l’uomo l’ha raggiunta, placcata a terra e poi ha infierito con il coltello.

I soccorsi e il luogo del fatto…..l’aggressore

La donna trasportata d’urgenza a Rozzano, non c’è l’ha fatta. Appena ha varcato al soglia dell’Humanitas era già in fin di vita. I medici hanno tentato di salvarla, ma senza riuscirci. La rotonda verso Pedriano è nota da anni per la sua pericolosità, visto il numero elevato di incidenti. L’altra caratteristica è la presenza di prostitute. Quando il presunto aggressore è stato rintracciato indossava ancora gli abiti descritti dai testimoni: Un cappellino nero, un giubbotto scuro e un paio di scarpe rosse. Era inoltre ubriaco, un altro aspetto che coincideva con il racconto dei presenti.

Foto fonte in evidenza

 

 

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24