Pianeti Extraterrestri: nuova ricerca della vita Aliena

intopic.it feedelissimo.com  
 

C’è solo un posto in tutto l’universo in cui sappiamo di certo che esiste la vita, e in questo momento siamo in piedi su di esso. L’uomo non ha cercato per molto tempo e la nostra capacità di estenderci ad altri pianeti è ancora abbastanza limitata.

Secondo l’equazione Drake, tuttavia, c’è una buona probabilità che non siamo completamente soli. Il problema è che abbiamo cercato sistemi solari come la nostra, e stelle come il nostro sole che non sono particolarmente comuni. Peggio ancora, pianeti come il nostro pianeta che orbitano nello stesso modo sono ancora più rari.

Ma forse non dovremmo cercare pianeti simili a terra.

Secondo l’astronomo di Laboratoire d’Astrophysique de Bordeaux Sean Raymond, dovremmo invece cercare pianeti che hanno un orbita di rotazione simile alla nostra, cioè a forma oculare.
Il nostro sole è un nano giallo, ma il più comune e il più vecchio tipo di stella nella galassia è una nana rossa. Sono ovunque, e questo le rende piuttosto facili da trovare. Poiché sono anche relativamente deboli, la loro zona abitabile è molto più piccola delle stelle come la nostra.

Un’orbita vicina significa anche che un pianeta è probabilmente chiuso in modo tonalizzato, il che significa che un lato del pianeta è sempre di fronte al sole (proprio come lo stesso lato della luna è sempre di fronte alla Terra) Quindi intuiamo che un pianeta perennemente bloccato al suo sole non avrebbe un ciclo diurno e notturno, quindi una metà del pianeta sarebbe sempre racchiusa in ghiaccio e l’altra sarebbe cotta sotto la luce del sole il che non lo rende esattamente un ambiente ospitale!

Una rotazione simile alla terra, il pianeta come una pupilla

Un pianeta simile sarebbe molto uguale a un bulbo oculare. Pensa al punto caldo di fronte al sole come la pupilla. Ma quella pupilla avrebbe anche un’iride circostante: una striscia di terra con un clima più temperato, dove l’acqua liquida sarebbe in grado di fluire. E scorrerebbe, dal momento che la fusione di ghiaccio della metà gelata confluirebbe in enormi fiumi che scorrono verso la metà, nel deserto arido. Una volta raggiunta quella regione ardente, avrebbero evaporato, precipitando e ricominciarono di nuovo.

Il risultato? Tutti i residenti di quell’anello del pianeta trascorrerebbero la loro vita in un continuo crepuscolo, con un sole che non tramonta mai, ma sicuramente avrebbero avuto la possibilità di vivere. Poiché questi pianeti sono molto più abbondanti e molto più facili da individuare, quasi certamente troveremo i nostri vicini alieni prima che in qualsiasi altro luogo.

La ricerca è attiva, i nuovi pianeti possono servire all’umanità

Se troveremo gli alieni o meno, non e determinante, ma dobbiamo prendere in seria considerazione questi tipi di pianeti quando si tratta di cercare eventuali destinazioni possibili per offrire vita e clima ospitale per gli esseri umani.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24