Prevenzione del rischio idraulico

Prevenzione del rischio idraulico, il modello fisico della diga di Levane

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Prevenzione del rischio idraulico, il modello fisico della diga di Levane. Il progetto realizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale nella sede di Santa Marta dell’Università di Firenze

La prevenzione del rischio idraulico, dall’ateneo fiorentino arriva dunque un importante modello in grado di simulare una piena del 50% in più rispetto a quella del ’66.

Misura dieci metri di lunghezza, quattro di larghezza: rappresenta su scala uno a sessanta una delle opere più importanti di prossima realizzazione per la riduzione del rischio idraulico a Firenze.

E’ questo quindi il modello fisico di sopraelevazione della diga di Levane, realizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università di Firenze.

Il modello può simulare una piena del cinquanta per cento in più rispetto a quella registrata nel 1966 (nella foto).

Il modello risponde alla necessità di verificare come la diga, una volta rialzata, si comporterà in caso di piene eccezionali dell’Arno

Necessità a sua volta che nasce alla richiesta della Direzione Generale Dighe del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; il modello fisico inoltre è commissionato all’ateneo da Enel Green Power.

Esso ha altresì permesso di sperimentare le capacità di scarico e di contenimento dei fenomeni erosivi al piede della diga, fornendo risultati positivi rispetto al progetto di base.

La messa a punto della “diga in miniatura” di Levane ha inoltre richiesto quasi tre anni di lavoro da parte del team coordinato da Enio Paris, docente di Idraulica dell’ateneo, che ha coinvolto anche giovani ricercatori Unifi.

Spiega nel dettaglio Andrea Arnone, prorettore al trasferimento tecnologico e ai rapporti col territorio e con il mondo delle imprese:

Per l’ateneo, la collaborazione con Enel Green Power, rientra pienamente nelle attività previste dalla terza missione dell’Università di Firenze.

E’ inoltre la dimostrazione del ruolo che l’ateneo può giocare per il benessere e lo sviluppo del territorio, in questo caso nell’ambito della prevenzione idrogeologica.

Il modello infine rimarrà a Firenze per tutto il 2020 per poi essere smontato e riallestito a Levane.

Nei prossimi mesi verrà utilizzato per attività didattiche e di ricerca e sarà aperto al pubblico per visite guidate.

 

Articoli simili: Nubifragi in Italia

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.