Proteste anti-lockdown in Australia: 15 arresti e diversi scontri

Proteste anti-lockdown in Australia: 15 arresti e diversi scontri

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

La polizia australiana ha arrestato almeno 15 persone a Melbourne. Circa 200 persone hanno manifestato contro il lockdown nella giornata di sabato. La polizia del New South Wales ha anche arrestato tre persone durante le proteste anti-lockdown in Australia non autorizzate nell’Hyde Park di Sydney. Un’altra protesta si è svolta all’Olympic Park di Sydney. Proteste minori si sono svolte anche a Townsville, Brisbane e Byron Bay.

Organizzata da un’ampia coalizione di gruppi online collegati da un miscuglio di teorie del complotto, la protesta di Melbourne di sabato è stata pianificata in barba alle restrizioni di blocco, ai mandati sull’uso di mascherine nel Victoria, al 5G, alle vaccinazioni e al “traffico di bambini e pedofilia”. La polizia del Victoria ha adottato un approccio rigoroso alle proteste in vista di sabato. Hanno accusato cinque persone di incitamento per il loro presunto coinvolgimento nell’organizzazione della protesta.

Tra loro c’era Fanos Panayides, un membro di spicco del movimento cospirativo australiano e uno degli organizzatori di una protesta simile tenutasi a Melbourne a maggio. Un altro, James Bartolo, che gestisce il sito web di cospirazione The Conscious Truth Network, ha pubblicato online un filmato del suo arresto sabato. “Stamattina mi sono svegliato e ho sentito bussare alla porta“, ha scritto Bartolo sui social. “Erano tutti i poliziotti, hanno sfondato la porta, mi hanno arrestato, hanno preso computer, laptop e il mio telefono. La vicenda è un po’ rompicogli*ni. Mi hanno rubato la m*rda. Qualunque cosa. Sto bene“.

Proteste anti-lockdown in Australia: cosa sta succedendo?

Gli arresti hanno suscitato una vasta confusione tra i seguaci prima della protesta. Dopo essere stato accusato, Bartolo ha detto ai tifosi di non partecipare alla manifestazione perché credeva che fosse “una trappola”.
“È la cosa peggiore da fare. È tutto semplicemente terribile”. Questa confusione sembra aver spinto molti a stare alla larga dalla protesta. Sabato mattina, sui servizi di messaggistica crittografata, i sostenitori erano divisi sull’opportunità di annullare la protesta. La partecipazione a Melbourne era ben al di sotto di quanto gli organizzatori avevano sperato.

Sabato mattina le riprese del Santuario della Memoria hanno mostrato almeno alcune centinaia di manifestanti. Molti di essi non indossavano mascherine, lanciavano insulti alla polizia e ai media. Un grande contingente di polizia antisommossa e ufficiali a cavallo si è scontrato con i manifestanti in scontri intermittenti. Gli ufficiali sono stati presi a pugni da un uomo prima che fosse dotato di una mascherina e messo in manette. Sebbene la polizia del Victoria non avesse rilasciato i numeri degli arresti nelle prime ore di sabato pomeriggio, le riprese hanno mostrato dozzine di persone detenute.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com