Protocollo per Esami di Stato

Protocollo per Esami di Stato in presenza, c’è la firma

 

Protocollo per Esami di Stato in presenza, c’è la firma. Accordo raggiunto tra il ministero dell’Istruzione e le organizzazioni sindacali per lo svolgimento in sicurezza

Siglato dunque il protocollo per Esami Stato 2021; un documento ritenuto necessario per consentire lo svolgimento in presenza e in sicurezza agli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Per la scuola, questo 2021, è stato purtroppo un anno difficile. Edifici chiusi per un periodo lunghissimo a causa dell’emergenza sanitaria e, di conseguenza, studenti in Dad senza il contatto diretto.

Per fortuna il normalizzarsi della situazione ne ha consentito la riapertura e anche l’esame di maturità potrà svolgersi dal vivo nel rispetto delle norme di sicurezza.

Sono sostanzialmente confermate le misure previste nel Protocollo d’Intesa 2019-2020. Ad esempio, sarà necessario mantenere due metri di distanza fra candidato e commissione; studentesse e studenti inoltre potranno avere un solo accompagnatore, si dovrà indossare la mascherina.

Alcuni elementi che caratterizzano il protocollo d’intesa

In particolare, con il documento siglato oggi, viene precisato che la tipologia di mascherine da adottarsi dovrà essere di tipo chirurgico.

Non potranno, dunque, secondo il parere espresso anche dal Cts, essere utilizzate mascherine di comunità; ed è sconsigliato inoltre, da parte degli studenti, l’utilizzo prolungato delle mascherine FFP2.

È consentito inoltre lo svolgimento delle prove dell’Esame di Stato o dei lavori della Commissione d’esame in modalità di videoconferenza, secondo casi specifici indicati all’interno del Protocollo.

È ammesso infine, per l’esame di Stato conclusivo del primo e del secondo ciclo di istruzione, lo svolgimento a distanza delle riunioni plenarie delle Commissioni d’esame; nei casi in cui le condizioni epidemiologiche e le disposizioni delle autorità competenti lo richiedano.

Per garantire il regolare svolgimento degli Esami di Stato, le istituzioni scolastiche utilizzano altresì le risorse finanziarie assegnate dal Ministero per la gestione e l’organizzazione del servizio scolastico nel periodo emergenziale.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.