Ricciardo, confessione del pilota: “Mai andato oltre con la Ferrari”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Prima che la Ferrari ufficializzasse l’arrivo di Carlos Sainz al posto di Vettel, molti rumors davano al suo posto Ricciardo. L’australiano, classe ’89, da molti è stato accostato alla monoposto rossa, senza però arrivare ad una vera e propria conclusione. Da questo Mondiale, Daniel, si trova in sella alla McLaren, dopo che per due stagioni ha guidato la Renault. Un cambio importante che ha alzato l’asticella del talentuoso pilota. Attualmente è all’ottavo posto della classifica piloti a 24 punti, dietro proprio ai due ferraristi Sainz e Leclerc.

A proposito della Rossa, Ricciardo ha rilasciato una serie di dichiarazioni che hanno portato ad una confessione.

Ricciardo e la Ferrari: “Solo qualche telefonata”

Ricciardo

Secondo molti giornali, il matrimonio tra la Ferrari e Ricciardo era vicinissimo. Non la pensa esattamente, però, il pilota australiano. In una recente intervista a ESPN spiega le modalità con cui ha approcciato dei contatti con la scuderia di Maranello in passato. Troppo poco per pensare a un trasferimento. Ecco cosa ha rivelato: “Non sono mai stato abbastanza vicino alla Ferrari – conferma – al punto tale da avere con loro uno scambio di documenti. Ci sono state diverse telefonate, senza però arrivare ai dettagli che contano, parlando di numeri o di anni di contratto. Diciamo che non siamo mai arrivati al secondo step, fermandoci sempre al livello base”.

Una confessione interessata da parte del pilota McLaren, che conferma i contatti, ma no l’affare quasi concluso. Ovviamente il rimpianto di non guidare la Rossa c’è. A confermalo è lo stesso Daniel: “Ci sono sempre state voci su questo tema, soprattutto nel periodo in cui non c’era alcun pilota azzurro in grigliaPenso che sarebbe stata una buona scelta sia per me che per loro, una bella storia da raccontare. Da piccolo ero un gran tifoso della Ferrari, soprattutto perché mio padre era nato in Sicilia. Avevo tanti gadget della Ferrari con me, ma correre per lei non era il mio sogno esclusivo: il mio obiettivo è sempre stato quello di correre in Formula 1″ conclude Ricciardo.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24