Sciopero del clima: studenti e scienziati uniti per il Pianeta

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Lo sciopero del clima è partito per iniziativa di una studentessa svedese e ora è arrivato anche in molte città italiane.

Sciopero del clima, dalla Svezia all’Italia

Sono infiniti i motivi per i quali si può e si deve scioperare: pace, diritti, uguaglianza, libertà… Non ultimi i cambiamenti climatici che, ormai a livelli fuori controllo, stanno mettendo seriamente a rischio la salute del Pianeta e dei suoi abitanti.

Fare qualcosa, da politiche ambientali adeguate a scelte alimentari opportune, è un dovere di tutti in perchè la questione “clima” riguarda tutti e, soprattutto, c’è in gioco la salute delle future generazioni.

E’ questa consapevolezza che ha spinto una studentessa svedese, Greta Thunberg, ad organizzare il primo Sciopero del Clima.

La 15enne infatti, dal 2018, ha scioperato ogni venerdì, manifestando davanti al parlamento svedese con l’obiettivo di sollecitare i politici a prendere misure concrete.

L’iniziativa non è rimasta nell’ombra: dal Nord Europa, l’onda di manifestazioni è giunta anche nel nostro paese dove in tutte le città o quasi vengono organizzate manifestazioni a favore del clima.

Sciopero per il clima e sviluppo sostenibile

L’iniziativa dello sciopero del clima ha preso il nome di Fridays for Future e ha ricevuto gli encomi di scienziati e personaggi autorevoli come Edo Ronchi, presidente della Fondazione Sviluppo Sostenibile.

Tutti si sono mostrati stupiti e compiaciuti della giovanissima età degli organizzatori.

In questo caso invece si è dimostrato che sempre più giovani hanno una sensibilità che va ben oltre.

Sensibilità mostrata anche con i social, sfruttati proprio per diffondere progetti socialmente utili come questo.

Tra le iniziative utili per contrastare i cambiamenti climatici, dalla Gran Bretagna arriva, ad esempio, la proposta d’ introdurre una tassa sulla carne.

Le emissioni prodotte dagli animali all’interno degli allevamenti intensivi sono tra le principali cause dell’effetto serra che porta al surriscaldamento globale con conseguenze devastanti.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24