sconfitta con la spal

Sconfitta con la Spal, ma chi preoccupa è Dybala

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

Sconfitta con la Spal

Sconfitta con la Spal per la Juve. Serviva un punto per festeggiare lo scudetto con larghissimo anticipo, non è arrivato.

Certo i bianconeri hanno trotterellato per tutto il match, badando più che altro a non subire ulteriori infortuni e cercando di non affannarsi più del dovuto.

Martedì infatti si gioca il ritorno del quarto di finale di Champions League e c’è  poco da scherzare. Massimiliano Allegri lo sa e schiera una formazione inedita, con alcuni primavera in campo dal primo minuto.

Per molti di tratta di un azzardo, e in effetti lo è. Ma quando ti manca un solo punto per festeggiare lo scudetto, e c’è una sfida importante alle porte, tutto è possibile.

La partita

La partita è stata insolita, con una juve al rallentatore.

La Spal ha chiaramente approfittato della situazione ed ha provato a spingere sull’acceleratore per tutti i 90 minuti.

La Juve dal canto suo ha messo in mostra giovani interessanti, ad esempio il difensore Gozzi che si è ben comportato nonostante l’esordio serie A.

Il gol del vantaggio bianconero è arrivato su tiro di Cancelo con seguente deviazione di Kean sotto porta. Dopo la Spal ha iniziato a spingere con più insistenza fino a raggiungere il pareggio.

Gol giunto da calcio d’angolo e gol su colpo di testa di Bonifazi; a circa 15 minuti dal fischio finale è poi arrivato il gol vittoria con Floccari.

Il caso Paulo Dybala

L’argentino ha giocato tutti i 90 minuti. Una scelta che lascia pensare a un suo non utilizzo, perlomeno dal primo minuto, martedì sera.

Allegri ha detto che Dybala, per entrare in forma, ha necessità di giocare molto: è parsa però una frase di circostanza.

Paulo durante la partita è parso abulico, fuori dal gioco e triste. Insomma un caso spinoso, un campione che non ha mai fatto il vero salto di qualità.

Foto: Pagina Facebook Ufficiale Juventus FC

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *