sostituire la cartilagine del ginocchio

Sostituire la cartilagine del ginocchio: il nuovo studio

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Un team di scienziati potrebbe aver finalmente trovato un modo per sostituire la cartilagine del ginocchio dopo lesioni o la normale usura causata dall’invecchiamento.

Sostituire la cartilagine del ginocchio: realizzato il primo idrogel

Nel momento in cui la cartilagine – in questo caso del ginocchio – si consuma o subisce danni, può ricrescere. Tuttavia, sembrerebbe che grazie ad un nuovo materiale la “vecchia” cartilagine potrebbe essere sostituita con una nuova. La chiave è un idrogel che è, si abbastanza forte, ma altrettanto flessibile per sopravvivere ai movimenti che sopporta mentre attutisce le ginocchia. Ciò è quanto riporta ScienceAlert e quanto affermato dal team di scienziati, . Se il materiale viene approvato per l’uso clinico, potrebbe rappresentare un’alternativa a interventi chirurgici di sostituzione del ginocchio molto più invasivi e spesso di breve durata.

“Abbiamo deciso di realizzare il primo idrogel che ha le proprietà meccaniche della cartilagine”, ha detto il chimico della Duke University Ben Wiley in un comunicato stampa. Il gel è una maglia tessuta di tre materiali diversi. Ciò lo aiutano a mantenere la sua forma dopo essere stato allungato, piegato e schiacciato. A causa di quegli strati, il gel è stato in grado di resistere a vari test. A quanto pare è stato schiacciato da un peso di 100 libbre, strappato e allungato 100.000 volte e sfregato contro la cartilagine naturale un milione di volte. Questo studio di ricerca è stato pubblicato sulla rivista Advanced Functional Materials a giugno.

Dunque, l’idrogel è resistente come la cartilagine naturale. Inoltre è molto più resistente del materiale sintetico già stato utilizzato in alcuni interventi chirurgici. Tuttavia, i tempi sono lunghi. Infatti per il team ci vorrebbero tre anni per passare da questi test di laboratorio all’approvazione normativa. Successivamente il nuovo idrogel potrebbe essere utilizzato in chirurgia. ScienceAlert riferisce che il team in realtà non sa ancora se il materiale è tossico per le cellule. Ma spera di iniziare presto a sperimentare i trapianti di animali.

Fonte foto: pixabay

Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,