Squalifica di quattro turni a Patric

Squalifica di quattro turni a Patric

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Quattro giornate di squalifica e 10 mila euro di multa: e’ questa la sanzione decisa dal giudice sportivo della serie A per il laziale Patric, per il morso al braccio a Donati ieri in Lecce-Lazio. Il giudice Gerardo Mastrandrea parla di “un morso al braccio di un avversario, senza procurargli conseguenze lesive, infrazione rilevata dal VAR”. La squalifica di quattro turni a Patric però, è stata ridotta a tre soli turni. Riuscirà la Lazio a sopperire alle numerose assenze e a battere di nuovo la Juventus? O la squadra di Sarri metterà le mani sullo scudetto della stagione 2019-2020?

Squalifica di quattro turni a Patric

Puntuali sono arrivate anche le scuse del giocatore attraverso una storia su Instagram:”Giulio Donati ti chiedo scusa per il gesto che ho fatto: è stata mancanza di lucidità. Intanto ti faccio un grosso in bocca al lupo a te e alla tua squadra per il resto del campionato”.

La risposta del terzino giallorosso è stata immediata sempre tramite un post sui social, nel quale Donati ha anche precisato che Patric era andato negli spogliatoi a scusarsi anche a fine partita: “Sono cose che in momenti di alta tensione possono capitare – ha ammesso il terzino del Lecce – quando uno capisce l’errore e chiede scusa la cosa resta in campo senza rancore”.

La riduzione

Nelle ultime ore però, il giudice sportivo ha deciso di ridurre la squalifica. Dalle quattro giornate di stop infatti, si è passati a tre giornate. Lo spagnolo dunque, saltata la sfida contro la Juventus, potrà tornare in campo per la gara successiva alla sfida con la Juventus. Un vero e proprio grattacapo per Simone Inzaghi, costretto a rivedere completamente, l’intero reparto difensivo. Affianco ad Acerbi infatti, scenderanno in campo Vavro e Luiz Felipe. La Lazio è stata sicuramente falciata dagli infortuni in questo finale di stagione.

 

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Matteo Paniccia

Avatar