Tentato omicidio, violenta aggressione a Palermo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Tentato omicidio, violenta aggressione in via San Lorenzo a Palermo. I carabinieri della Compagnia di San Lorenzo hanno arrestato Angelo Viola, un palermitano di 40 anni per tentato omicidio. L’uomo già noto alle forze dell’ordine per altri reati è stato accompagnato presso il carcere dei Pagliarelli oggi. I fatti risalgono allo scorso 15 Gennaio. In quell’occasione, di pomeriggio scoppiò una lite per futili motivi proprio in via San Lorenzo, quartiere Resuttana di Palermo. Angelo Viola estrasse un coltello e pugnalò un uomo di 55 anni. Subito dopo,  la vittima  si recò autonomamente presso il pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia del capoluogo siciliano. La persona offesa era stata colpita da diversi fendenti al collo, all’addome e al viso. I sanitari lo medicarono con una prognosi di Trenta giorni.

Tentato omicidio a Palermo…l’arresto….

Oggi a distanza di più di 30 giorni, finalmente la svolta nelle indagini. La procura della repubblica, presso il Tribunale di Palermo ha ordinato ai carabinieri di San Lorenzo di effettuare un arresto. Il Gip della città, individuato nell’aggressore la persona di Angelo Viola  lo ha deferito ai carabinieri  con un ordine di custodia cautelare. Viola è accusato di tentato omicidio, minaccia e anche  Porto d’armi di oggetti atti ad offendere.

Le indagini

Le indagini svolte dalla stazione dei carabinieri di Resuttana collie in collaborazione con la compagnia di San Lorenzo hanno permesso di giungere alla verità. I militari dell’arma attraverso un’ intensa attività investigativa hanno ricostruito tutta la vicenda. Gli investigatori si sono avvalsi anche di alcune testimonianze nonché dell’analisi delle immagini dei sistemi di video sorveglianza posti in via San Lorenzo. Una via piuttosto centrale e molto trafficata della Palermo bene. Proprio per questo è  piuttosto difficile che non ci fossero dei testimoni. Il 55 enne dimesso dall’ospedale è tornato a casa con una prognosi di più 30 giorni. Viola, tradotto presso il carcere palermitano resterà in cella in attesa di processo. Salvo, naturalmente altri aggiornamenti.

Foto fonte in evidenza

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24