Test del DNA per scoprire se il COVID19 può uccidere

Test del DNA per scoprire se il COVID19 può uccidere

 

Una persona può avere geni che mettono a rischio la propria vita. Per questo motivo nasce l’idea relativa a Test del DNA per scoprire se il COVID19 può uccidere un paziente.

Test del DNA per scoprire se il COVID19 può uccidere un determinato paziente

Una copia digitale dell’intero codice genetico di una persona, caricato su un sito potrebbe aiutare a capire quanto potrebbe essere pericoloso il COVID-19 per un determinato paziente. Il risultato potrebbe affermare che molto probabilmente potremmo essere di fronte ad una potenziale morte causata dal COVID-19. Questa è l’idea alla base di un’analisi genetica gratuita offerta da Sequencing.com, una società di test genetici che offre test del coronavirus personalizzati basati sul DNA. Il CEO di Sequencing e il genetista clinico Brandon Colby avrebbe affarmato:

“Una persona che sembra essere a basso rischio a livello non genetico o sembra che potrebbe essere abbastanza bene se ottengono COVID-19, sappiamo che i loro geni li stanno mettendo sulla strada per una malattia più grave”.

Una delle maggiori sfide della pandemia di coronavirus è stata quella di identificare tutte quelle persone che potrebbero essere più a rischio rispetto ad altre nel contrarre il virus. Inizialmente, l’epidemia sembrava essere più pericolosa per gli anziani o le persone con condizioni di salute di base. Ma nel tempo sono emersi più casi di persone giovani e più sane che hanno avuto casi gravi. In alcuni casi nonostante le buoni condizioni di salute, il COVID-19 è risultato fatale. L’obiettivo di Colby è personalizzare i test del coronavirus. Ciò sarà possibile fornendo rapporti specifici per il codice genetico di un individuo.

Dunque, le proiezioni potrebbero portare alla luce segnali di avvertimento. Si spera così, che i rapporti convincano le persone con alti fattori di rischio genetico a prestare maggiore attenzione. E se iniziano a sentirsi male, il rapporto potrebbe spronarli a cercare immediatamente un trattamento. A riguardo, Brandon Colby dichiara che “quella persona potrebbe avere geni che li mettono ad alto rischio, e questo è davvero il potere di questo rapporto. Senza questo rapporto, sarebbe stata una domanda importante.”

Le parole degli esperti in merito al nuovo test

“Questa ricerca è ancora preliminare e questa analisi si basa su associazioni genetiche preliminari. Se la pandemia non fosse una tale crisi, allora sarebbe qualcosa su cui vorremmo che venissero fuori ulteriori ricerche. Probabilmente lo metteremmo lì in formato beta, e sarebbe molto chiaro. Ma a causa della crisi, dell’urgenza, stiamo utilizzando questi studi preliminari e assicurandoci che le persone capiscano che sono preliminari”, ha aggiunto. “Stiamo utilizzando le informazioni attualmente disponibili per renderle utili nel momento in cui sono necessarie”.

Questo è quanto dichiarato dal CEO di Sequencing aggiungendo inoltre:

“Questa ricerca è ancora preliminare e questa analisi si basa su associazioni genetiche preliminari. Se la pandemia non fosse una tale crisi, allora sarebbe qualcosa su cui vorremmo che venissero fuori ulteriori ricerche. Probabilmente lo metteremmo lì in formato beta, e sarebbe molto chiaro. Ma a causa della crisi, dell’urgenza, stiamo utilizzando questi studi preliminari e assicurandoci che le persone capiscano che sono preliminari. Stiamo utilizzando le informazioni attualmente disponibili per renderle utili nel momento in cui sono necessarie”.

Sull’argomento è intervenuto anche Shoumita Dasgupta, genetista dell’Università di Boston. Egli avrebbe invece dichiarato quanto segue:

“Penso che la chiave qui sia che ci sono sia fattori genetici che ambientali che contribuiscono alla suscettibilità personale di un individuo. Lo sappiamo anche da altri agenti patogeni. Nessuno dei due sarà sufficiente per essere completamente protettivo, ma la combinazione di misure di sanità pubblica e ricerca biomedica sui fattori di rischio genetico può aiutarci insieme a uscire da questa situazione. La genetica raramente ti dà un’abilità predittiva infallibile al 100%”.

Aggiungendo infine:

“Certamente, la genomica comparativa può fornire informazioni su come funzionano i geni in altri sistemi, ma poiché i virus si evolvono rapidamente, è possibile che quei componenti possano lavorare insieme in modo leggermente diverso nel nuovo coronavirus”.

Fonte foto: pixabay

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,