Il test della scatola può misurare la creatività di un bambino di un anno

Il test della scatola può misurare la creatività di un bambino di un anno

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I termini “indifeso” e “misterioso” sono due etichette che possono essere applicate a qualsiasi bambino. Sebbene la decodifica di un brontolio di un bambino quasi trascende il regno della possibilità, i ricercatori hanno trovato un modo per misurare la creatività in un anno. Il test insolito della scatola (UBT), che chiameremo brevemente test della scatola, può prevedere le divergenti capacità di pensare anche del bambino più incomprensibile.

Il test della scatola è davvero così insolito, come indica la sigla UBT?

UBT è l’acronimo di Unusual Box Test, ovvero test inusuale della scatola.

L’UBT sembra più come un gioco che uno strumento di valutazione cognitivo. Comprende una scatola con caratteristiche uniche e alcuni oggetti nuovi. La scatola potrebbe avere una sporgenza, un foro strano, stringhe, minuscole scale, ecc… Il test fondamentalmente misura il modo in cui qualcuno interagisce con questi elementi, con un punteggio più alto sulla prova correlata a un maggior numero di interazioni oggetto-casella. Nel 2014, i ricercatori dell’Università di Sheffield hanno scoperto che l’UBT può essere usato sui bambini di 2 anni (in precedenza è stato usato solo per misurare la creatività dai bambini tre anni in su).

Nel 2016, però, l’Università di Sheffield e gli studiosi dell’Università di Stirling hanno diminuito ancora l’età in cui è possibile adottare il test della scatola. Questo studio si è svolto dando a 29 bambini una scatola e alcuni oggetti che hanno permesso ad essi di giocare individualmente con loro, senza dare loro nessuna istruzione. I ricercatori hanno contato il numero di interazioni oggetto-casella entro un intervallo di tempo, e ogni bambino ha ricevuto un punteggio tra 6 e 28. Poche settimane dopo, i neonati che hanno segnato la prima volta hanno ottenuto un punteggio alto anche senza contare le interazioni ripetute.

I risultati suggeriscono che anche bambini molto piccoli, all’incirca di 1 anno hanno già abilità nel pensare e possono avere idee divergenti rispetto ad altri bambini. Le loro capacità, in più, possono essere misurate. Lo studio ha anche considerato le abilità dei genitori dei bambini, suggerendo che i neonati che hanno ottenuto punteggi alti nell’UBT hanno genitori con forti capacità di pensare.

 

Fonte

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.