Testa del megalodonte più lunga di 4 metri: antenato dello squalo

Testa del megalodonte più lunga di 4 metri: antenato dello squalo

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Lo squalo come lo conosciamo oggi ha dimensioni molto più piccole rispetto al suo antenato. Il “nonno” dello squalo prende il nome di megalodonte. Le enormi dimensioni di un mega-squalo preistorico reso famoso nei film di Hollywood sono state rivelate per la prima volta nella sua interezza da uno studio britannico. In precedenza era stata stimata solo la lunghezza del megalodonte di Otodus. Tuttavia un team dell’Università di Bristol e della Swansea University ha determinato le dimensioni del resto del suo corpo, comprese le pinne grandi quanto un essere umano adulto e la testa del megalodonte che è più lunga di 4 metri.

Il grande squalo bianco – raffigurato nel film di successo del 1975 Lo squalo – è un lontano discendente del megalodonte e spesso misura più di 6 metri di lunghezza. I ricercatori hanno utilizzato metodi matematici e confronti con parenti viventi per trovare le dimensioni complessive del megalodonte. Quest’ultimo ha vissuto da circa 23 a 3 milioni di anni fa, ma ha attirato fama più di recente nei film di Hollywood, tra cui The Meg. I risultati suggeriscono che un megalodonte di 16 metri avrebbe probabilmente avuto una testa lunga circa 4,65 metri, una pinna dorsale alta 1,62 metri e una coda lunga 3,85 metri.

Testa del megalodonte: ecco le dimensioni dell’antenato dello squalo

Ciò significa che un essere umano adulto potrebbe stare sul dorso dello squalo e avere circa la stessa altezza della pinna dorsale. Jack Cooper, che ha conseguito un master in paleobiologia presso la scuola di scienze della terra dell’Università di Bristol, ha descritto lo studio come il suo “progetto da sogno“. “Sono sempre stato pazzo per gli squali. Come studente universitario, ho lavorato e fatto immersioni con grandi squali bianchi in Sud Africa, protetto da una gabbia d’acciaio, naturalmente“, ha detto.

È quel senso di pericolo, ma anche che gli squali sono animali così belli e ben adattati, che li rende così attraenti da studiare. Il Megalodonte era in realtà proprio l’animale che mi ha ispirato a perseguire la paleontologia in primo luogo a soli sei anni. Quindi ero al settimo cielo per avere la possibilità di studiarlo. Questo era il progetto dei miei sogni. Ma studiare l’intero animale è difficile considerando che tutto ciò che abbiamo sono davvero tanti denti isolati“.

In precedenza lo squalo fossile veniva confrontato solo con il grande squalo bianco. L’ultima analisi, però, è stata ampliata per includere cinque specie di squalo attuali. I ricercatori hanno prima testato se gli animali vivi cambiavano proporzioni man mano che crescevano, ma hanno scoperto che non era così. “Ciò significa che potremmo semplicemente prendere le curve di crescita delle cinque forme moderne. Successivamente proiettare la forma complessiva man mano che diventano sempre più grandi, fino a una lunghezza del corpo di 16 metri“, ha detto Cooper.

 

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com