The blues brothers compie 40 anni

The Blues Brothers: il film cult compie 40 anni

Il 20 giugno 1980 usciva nelle sale americane “The Blues Brothers” del regista John Landis compie 40 anni oggi. Un cast stellare e delle musiche iconiche rendono immediatamente questo film uno dei più amati nel mondo: fu la prima pellicola ad incassare più all’estero che negli USA. Interessante l’accoglienza, quasi sempre positiva, nonostante un’iniziale critica da parte dei media americani, che non vedevano altro che uno humor di basso livello. Ma è impossibile non affezionarsi ai due fratelli Blues, scapestrati, bugiardi, ma dall’animo generoso. The Blues Brothers potrebbe sembrare un film leggero, ma cela messaggi importanti, come l’odio di Jake ed Elwood verso i nazisti dell’Illinois.

The Blues Brothers 40^ anniversario del film commedia musicale che rimane un evergreen ancora oggi per i temi affrontati

Jake ed Elwood Blues sono due fratelli cresciuti in un orfanotrofio nell’Illinois, iniziati al blues dall’inserviente dell’istituto. All’inizio del film Jake esce dal carcere dopo una condanna per rapina; il fratello lo aspetta all’uscita ed insieme si recano dalla suora che li ha cresciuti in orfanotrofio. La religiosa, soprannominata “la Pinguina”, chiede il loro aiuto per trovare la somma necessaria per pagare le tasse dell’istituto, unica condizione è che il denaro sia guadagnato onestamente.

Durante una funzione religiosa del reverendo James, interpretato da James Brown,  Jake capisce che per trovare il denaro deve rimettere insieme la banda blues. Da qui i fratelli vanno a cercare i musicisti che suonavano con loro e li riarruolano per la missione. I fratelli devono difendersi dai tentativi di omicidio da parte dell’ex fidanzata di Jake, interpretata da Carrie Fisher, dai neonazisti, da una band western e dalla polizia. 

Nonostante tutto la band riesce ad esibirsi e ottenere il denaro necessario per salvare l’orfanotrofio. Dopo un inseguimento spettacolare, riescono a pagare le tasse, ma nonostante avessero agito per una nobile causa, vengono arrestati. La scena finale vede la band di nuovo riunita per uno show in carcere al ritmo di Jailhouse Rock di Elvis Presley.

Il cast è veramente da Oscar: attori bravissimi, musicisti famosi, rendono The Blues Brothers un film leggendario. Un film che non invecchia mai, non banale e più serio di quanto potrebbe sembrare, tanto che L’Osservatore Romano, quotidiano della Santa Sede, lo ha definito “memorabile” e dal carattere cattolico. The Blues Brothers è certamente uno dei film da vedere nella vita, apprezzando le sfumature, le battute e la recitazione dei personaggi. Senza dimenticare che è uno show musicale: se i già citati James Brown e la band non vi bastano, potrete ascoltare Ray Charles, Cab Calloway, John Lee Hooker e Aretha Franklin. 

Buon compleanno The Blues Brothers, 40 anni “in missione per Dio”!

Potrebbe interessare anche questo articolo.

Fonte copertina.

Autore dell'articolo: Martina Guarneri

Avatar